Voce alla birra

“La Birra Si Narra al Pub”. Camastra e Marino mattatori al ‘Au Vieux Strasbourg’

Grande successo di pubblico martedì sera alla birreria ‘Au Vieux Strasbourg’ di Milano

Grande successo di pubblico martedì sera alla birreria ‘Au Vieux Strasbourg’ di Milano. L’occasione è stata data da una delle serate de ‘La Birra Si Narra Al Pub’. L’iniziativa ideata e condotta da Michele Camastra, notissimo volto nel mondo della birra, si propone di diffondere la cultura birraria non solo spiegando il prodotto nel suo aspetto organolettico, ma anche dal punto di vista storico-culturale. Per l’occasione la serata si è arricchita della presenza del nostro caporedattore, Antonio Marino, profondo estimatore di birra, fortemente voluto dallo stesso Camastra.

In questo inedito tandem, i due conduttori si sono “destreggiati con maestria e complicità”, come affermato da Alessandra, una partecipante alla serata che ne ha voluto sottolineare anche la bravura e la professionalità. Marino e Camastra infatti, si sono divisi i compiti: il primo ha raccontato la storia di ognuna delle tre birre presentate nel corso della serata, mentre il secondo le ha descritte nelle loro caratteristiche di profumi e sapori.

antonio marinoA aprire la serata, Michele Camastra che ha introdotto il nostro caporedattore con una presentazione di tutto rispetto, sottolineando la passione comune per la birra e l’amicizia storica che li lega, grazie anche a questo elemento di accordo. Dopo un simpatico siparietto dato dalla domanda di Camastra a Marino su quante birre beve il nostro caporedattore in un giorno, quest’ultimo ha preso a raccontare la storia della prima protagonista: la Blanche de Bruxelles. C’è da dire che non è stato semplice trasferire 6 generazioni di proprietà del birrificio produttore della Blanche e quasi 150 anni della sua storia. Marino tuttavia, ha saputo raccontare evitando abilmente di cadere nell’esposizione da aula scolastica, rendendo la narrazione leggera e nel contempo coinvolgente. Così è stato per le altre due birre della serata: la Rulles e la Murphy’s Stout.

michele camastraCamastra, avvicendando Marino, ha descritto le tre birre, spiegandone i profumi ed i sapori con la capacità e la naturalezza di chi in questo mondo ci sta da diversi anni. Non è un caso infatti che molte persone gli hanno voluto rivolgere delle domande tecniche alle quali Camastra ha risposto più che esaustivamente.

Ogni birra era accompagnata da un piatto scelto ad hoc per esaltarne la qualità e meglio capirne l’essenza. La Blanche era accompagnata da crostini al pomodoro ed olive, la Rulles da una torta salata alle zucchine e la Murphy’s, da una Murphy’s Cake, dolce tipico della tradizione irlandese realizzato proprio con questa birra. In tutto ciò va sottolineata la grande capacità dello staff della birreria ‘Au Vieux Strasbourg’ che si è distinta non solo per la qualità dei piatti ed ovviamente, della spillatura delle birre, ma anche per i tempi d’ingresso delle portate, in perfetto sincrono con l’esposizione di Camastra e Marino.

La conclusione della serata è stata salutata con un fragoroso applauso a rimarcare quanto sia stata gradita nella conduzione da parte di questi mattatori della birra.

Dunque, la coppia Camastra-Marino promossa a pieni voti! E sembra che i due, forti di questo successo, stiano già organizzando qualcos’altro con qualche tocco ulteriormente innovativo. Naturalmente per ora, bocche cucite: “Se ne parlerà dopo l’estate”, affermano a chi loro chiede.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + tredici =

Close