Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. Il favoloso mondo delle Bock tedesche: la Traditional

Affonda le origini della sua storia nel XIII° Secolo

Care amiche e cari amici de La Voce, è difficile lasciare la Germania quando si sa che propone un’ampia gamma birraria. Da oggi e per le prossime due settimane andremo a scoprire l’affascinante mondo delle Bock.

Cominceremo dalla più antica di tutte, la Traditional Bock che affonda le origini della sua storia, addirittura nel XIII° Secolo. E’ il malto a fare la parte del leone in questa tipologia che si esprime in tutta la sua importanza dal colore ramato e dalla schiuma che non vi abbandona a metà boccale. Vediamo di conoscerla al meglio, in tutte le sue caratteristiche.

La German Pils risulta essere un po’ più amara rispetto ad una Pils ceca, ma anche nella stessa Germania ci sono differenze gustative in base ai luoghi di produzione. La gradazione alcolica non è per nulla elevata e questo permette di renderla gradita ad una vasta platea. Andiamo a conoscerla più da vicino.

TRADITIONAL BOCK

Fermentazione: bassa
Classificazione legale: doppio malto
Classificazione commerciale: specialità
Storia: 13° Secolo – Originaria di Einbeck e prodotta a Monaco nel 17° Secolo, è stata tradotta in dialetto locale in ‘Bock’ che vuol dire anche ‘caprone’, spesso raffigurato nelle etichette
Ingredienti: acqua tipo Monaco; malto Vienna e Monaco. Luppoli tedeschi. Lievito bassa
Note: una versione più scura rispetto alla Maibock
Aspetto: dal ramato chiaro al ramato marrone. Schiuma abbondante, aderente e persistente.
Area olfattiva prevalente: deciso aroma maltato con sentori di alcol
Area gustativa prevalente: complesso dai sapori dei malti utilizzati, equilibrato dall’amaro dei luppoli. Finale pulito che tende al dolce
Grado alcolico: da 6,3 a 7,2
Temperatura di servizio: da 8 a 10° C

La prossima settimana, come detto, vi racconterò di un’altra Bock tedesca, la cui storia sono certo che vi saprà affascinare.

A presto e… salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 3 =

Close