Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. Tipologie birrarie: le IPA americane – ultima parte

La Speciality Rye IPA, la Speciality Red IPA ed infine, la Strong American Ale (Double IPA)

Care amiche e cari amici de La Voce, ci avviamo verso la conclusione del capitolo dedicato alle IPA americane. Abbiamo imparato a conoscerle meglio nelle loro peculiarità di fermentazione, classificazione legale, commerciale, storia, ingredienti, note, aspetto, area olfattiva, gustativa, grado alcolico e temperatura di servizio.

Dopo avervi raccontato dell’American IPA e della Speciality Black IPA, della Specility Brown IPA e della Speciality White IPA, oggi andiamo a conoscere da vicino le ultime tre IPA a stelle e strisce: la Speciality Rye IPA, la Speciality Red IPA ed infine, la Strong American Ale (Double IPA).

speciality rye ipaSPECIALITY RYE IPA

Fermentazione: alta
Classificazione legale: da speciale a doppio malto
Classificazione commerciale: specialità
Storia: 20° secolo – La Speciality IPA non è ancora uno stile vero e proprio, è un metodo di classificazione per partecipare ai concorsi internazionali. Di questa categoria fanno parte: Black IPA, Brown IPA, White IPA, Belgian IPA e Red IPA. La particolarità della Rye IPA è nella composizione delle materie prime come aggiunta del 15/20% di malto di segale ed è stata caratterizzata dalle birrerie artigianali.
Ingredienti: Acqua tipo dolce con pochi solfati; malti chiari e di segale americani; luppoli americani; lievito alta.
Note: decisamente luppolata e amara come l’American IPA ma con evidente sapore di malto di segale, la chiusura è secca e pulita.
Aspetto: da chiaro dorato a brillante rosso ambrato. Schiuma media e persistente.
Area olfattiva prevalente: intenso aroma di luppoli americani: evidenti sentori di malto di segale.
Area gustativa prevalente: sapori di luppoli simili agli aromi, il malto di segale contribuisce alla chiusura secca.
Grado alcolico: da 5,5 a 8
Temperatura di servizio: 7-10 °C

speciality red ipaSPECIALITY RED IPA

Fermentazione: alta
Classificazione legale: da speciale a doppio malto
Classificazione commerciale: specialità
Storia: 20° secolo – La Red IPA è un incrocio tra un American IPA e un American Amber IPA prodotte dalle birrerie artigianali moderne.
Ingredienti: Acqua tipo dolce con pochi solfati; malti chiari e crystal americani; luppoli americani lievito alta.
Note: Decisamente luppolata e amara come l’American IPA con sentori di mou. La chiusura è secca e pulita.
Aspetto: da ambrato scuro a rosso ramato. Schiuma media e persistente.
Area olfattiva prevalente: prevalgono gli aromi dei luppoli: agrumato, floreale, speziato, resinoso, frutta tropicale nocciola.
Area gustativa prevalente: sapori di luppoli simili agli aromi, chiusura secca, persistenza dell’amaro.
Grado alcolico: da 5,5 a 7,5
Temperatura di servizio: da 7 a 9 °C

strong american ale double ipaSTRONG AMERICAN ALE (DOUBLE IPA)

Fermentazione: alta
Classificazione legale: doppio malto
Classificazione commerciale: specialità
Storia: 20° secolo – La Double IPA è un’innovazione dei birrifici artigianali americani. Prodotta la prima volta nel 1990, diventata popolare negli anni 2000 grazie agli manti delle birre amare estreme.
Ingredienti: Acqua tipo dolce con pochi solfati; malti chiari e crystal americani; zuccheri, luppoli americani lievito alta.
Note: Double è la versione più forte e più amara della IPA; pur essendo intensamente luppolata ha una buona bevibilità.
Aspetto: dal dorato all’arancio ramato. Schiuma media e persistente.
Area olfattiva prevalente: intenso di luppoli americani.
Area gustativa prevalente: sapori di luppoli simili agli aromi, chiusura secca, persistenza dell’amaro.
Grado alcolico: da 7,5 a 10
Temperatura di servizio: da 9 a 12 °C

Lasciamo così gli Stati Uniti e prendiamoci una pausa dalle IPA che non sono ovviamente solo americane. Ma non temete: torneremo a parlarne. Ora però, c’è una scadenza piuttosto vicina. Non sentite anche voi l’avvicinarsi di una certa gioiosa atmosfera, mentre novembre è ormai oltre il giro di boa? Non vi viene voglia di far festa? E come se non con le birre che la fanno da padrone a dicembre? Su… un po’ d’immaginazione!

A presto e… Salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × tre =

Close