Storia

GLI ANNI 80 A MILANO

Tra Paninari e Metallari, le mode di un’epoca che ha fatto storia

Abbiamo scelto di proseguire questo viaggio indietro nel tempo che ci ha condotto a quegli anni dove tutto, a Milano, aveva una luce diversa e sicuramente migliore di quella dei giorni nostri. Lo abbiamo fatto dopo avervi proposto l’intervista esclusiva con Clizia Gurrado, l’autrice del libro divenuto il caso letterario degli Anni 80: “Sposerò Simon Le Bon”.

A connotare quel periodo, si era sviluppata una moda data non solo dall’abbigliamento ma dalle filosofie di vita diverse che contraddistinguevano i giovani di quei tempi e li facevano aggregare in gruppi che spesso si contrapponevano tra di loro: ecco quindi nascere i Paninari, i Punk, i Metallari, i Dark, i Rockabilly ed i cosiddetti China ovvero, i “cinesi”.

MetallariGli osservatori più superficiali del periodo, sostengono che alla base delle contrapposizioni vi fosse l’ideologia politica diversa; questo è vero solo in parte poiché, almeno nei primi anni, la politica non rientrava molto negli interessi e nelle competenze dei ragazzi; l’antipatia era più che altro data dalle estrazioni sociali diverse. I Paninari infatti, erano i figli della borghesia medio alta e quindi, anche dotati delle potenzialità economiche che permettevano loro l’acquisto di capi d’abbigliamento dal valore ragguardevole: chi non ricorda addosso a loro i piumini Moncler o le scarpe Timberland? Di contro, gli altri giovani schierati in altri gruppi, erano generalmente di estrazione sociale meno borghese, più popolare e quindi, a differenza dei Paninari, con un portafogli un po’ meno sorridente. I corsi ed i ricorsi storici, si fecero vivi anche in quel momento e si rivisse ciò che la storia aveva sempre consegnato ai posteri: una certa supponenza di chi aveva, nei confronti di chi aveva meno.

L’acquisizione di una coscienza politica, sebben molto virgolettata, arrivò solo in un secondo momento; i Paninari cominciarono a proporsi come appartenenti ideologicamente alla Destra, nella misura in cui i China si collocarono a Sinistra; la grettezza prevalente nella loro preparazione politica sul piano teorico, sviluppò purtroppo una serie di episodi criminali come rapine, pestaggi e furti di capi d’abbigliamento, fenomeno quest’ultimo che vedeva vittime prevalenti i Paninari: spesso capitava di vederli in giro senza le
scarpe o senza i giubbotti che gli erano stati appena rubati.

Milano di notteI gruppi si divisero Milano ed i suoi locali in territori dove chi, appartenente ad un diverso schieramento, solo provava a transitare, passava guai seri. Piazza San Babila era. ad esempio, territorio esclusivo dei Paninari, così come Piazza Vetra era dominio di China, Metallari e di tutti gli altri. Si ricorderà come i Paninari non potessero contare su alleanze con altri gruppi, a differenza dei China che con Metallari, Punk, Dark e Rockabilly avevano un rapporto di buona convivenza, data anche dal comune detestare i Paninari.

I Paninari come i China si estinsero verso la fine degli 80, metaforicamente uccisi forse proprio da una deriva di pseudo-politica che, al pari delle loro mode, non lascerà nessuna traccia se non il ricordo di chi ha vissuto quei giorni da protagonista o da spettatore.

Oggi, per chi passa da Piazza Vetra o dalle Colonne di San Lorenzo è abbastanza semplice incontrare gli “eredi” dei Punk o dei Metallari. Personalmente, li guardo con una certa tristezza tipica dell’ultra quarantenne, e quindi di chi ha avuto l’opportunità di essere adolescente in quegli anni. Nel loro porsi, sono ormai del tutto anacronistici: almeno, rispetto a quelli di un tempo; riescono a strapparmi qualche compassionevole sorriso; li osservo e mi riecheggiano nella memoria le parole di una vecchia canzone di Enrico Ruggeri: “…sono stato Punk prima di te, sono stato più cattivo io… suonavo l’Heavy Metal quando tu, eri chiuso nell’asilo…”

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 3 =

Close