Champions League

Champions: Bernabeu amaro per la Juve. Ronaldo su rigore qualifica il Real

I bianconeri disputano una partita eccezionale spingendo il Real Madrid fino al baratro

Si chiude nel peggior modo possibile il cammino della Juventus in Champions League; al “Santiago Bernabeu” i bianconeri disputano una partita eccezionale spingendo il Real Madrid fino al baratro dell’eliminazione, ma ad un sospiro dai tempi supplementari vengono castigati da un discutibile calcio di rigore assegnato ai blancos dall’arbitro Oliver e trasformato implacabilmente da Cristiano Ronaldo.

Dopo i primi novanta minuti dei quarti di finale, lo 0-3 patito allo “Stadium” dalla Juventus sembrava prospettare un ritorno di spessore puramente formale; pur senza Dybala, invece, Allegri disegna una formazione aggressiva, capace di mettere gravemente in crisi il Real Madrid, letale in avanti, ma notoriamente perforabile in difesa, a maggior ragione senza Sergio Ramos, squalificato.

Già dopo due minuti Mandzukic sblocca il match incornando un cross prelibato di Khedira; i bianconeri non allentano la pressione, sfiorano la seconda rete e contengono con padronanza gli spagnoli. Il raddoppio arriva al minuto 37, ancora di testa e ancora con Mandzukic, che fotocopia la prima marcatura trasformando un servizio di Lichtsteiner. A un soffio dall’intervallo, Varane fa tremare la traversa, ma è l’unico sussulto della squadra di Zidane, dominata a lungo in casa propria dalla Juventus.

Nella ripresa il Real Madrid prova a mutare il copione, ma i bianconeri intravedono come ben più che possibile un’impresa difficile da pronosticare alla vigilia; e il 3-0 arriva al 61°, quando Matuidi approfitta di uno svarione di Navas per depositare in rete il pallone che ripristina l’equilibrio. La beffa però è dietro l’angolo; quando i tempi supplementari sembrano ormai rappresentare il naturale epilogo del doppio confronto, l’arbitro inglese Oliver conquista la scena assegnando generosamente un rigore al Real Madrid per un fallo di Benatia su Vazquez; è il 93° e la furia juventina si scatena verso il direttore di gara britannico, che espelle Buffon. Al 97° Cristiano Ronaldo trasforma il penalty in modo gelido, vanificando la splendida rimonta bianconera, frustrata quando ormai era ad un passo dal suo completamento.

Insieme a Roma, Liverpool e Real Madrid, il quartetto delle semifinaliste è completato dal Bayern Monaco, a cui basta lo 0-0 interno contro il Siviglia di Montella dopo il 2-1 conquistato all’andata in Andalusia.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 13 =

Close