Economia

Fotografia incoraggiante per l’economia Italiana: deficit al ribasso nel 2018 e stabile nel 2019

Buone notizie per l'Italia: le previsioni economiche di primavera dell'Ue rivelano che nel nostro Paese, il deficit scenderà all'1,7% sostenuto dalla crescita economica

La Commissione Ue ha rilasciato le previsioni economiche di primavera: le notizie per l’Italia sembrano incoraggianti. Secondo quanto rivelato, infatti, il deficit per il nostro paese si abbasserà nel corso di questo anno: “Nel 2018, presupponendo che non ci saranno ulteriori cambiamenti di politiche, il deficit italiano scenderà all’1,7%, sostenuto dalla crescita economica e da alcune misure contenute nel bilancio 2018”, si legge in una nota Ue. Secondo le stime poi, il deficit resterà all’1,7% anche nel, salvo cambiamenti di policy ed escludendo le clausole sull’aumento dell’Iva.

“In Europa, la crescita resta forte nel 2018 e si allenterà solo leggermente nel 2019, con aumenti rispettivamente del 2,3% e del 2% dopo il picco record di Pil a +2,4% nel 2017, il più alto da dieci anni”, ha dichiarato Bruxelles aggiungendo che “il ritmo della crescita si prevede resti robusto sullo sfondo di consumi sostenuti e forti esportazioni e investimenti”, mentre nel 2019 “colli di bottiglia diventano più evidenti in alcuni Paesi e settori”. Nel 2018, dunque, avanti con la crescita e questo è un dato molto incoraggiante che fa ben sperare. E sono anche altre, le buone notizie incoraggianti: i dati pubblicati svelano anche una situazione favorevole per la disoccupazione.

Secondo le previsioni questa “continua a diminuire ed è ora attorno ai livelli pre-crisi, in calo nel 2018 all’8,4% al 9,1% del 2017, verso il 7,9% nel 2019”. E dopo la disoccupazione, anche l’occupazione è da record, con il numero di occupati nell’eurozona al picco più alto dall’introduzione dell’euro. La Commissione Ue, però avverte: “restano alcune sacche sui mercati del lavoro. In alcuni Paesi, infatti, la disoccupazione è ancora alta e in altri i posti di lavoro stanno già diventando più difficili da riempire”. E un piccolo avvertimento arriva anche per la crescita del Pil: l’Italia resta fanalino di coda in Europa, con la crescita più bassa dei 28 Paesi insieme alla Gran Bretagna. Per entrambi i Paesi il Pil 2018 crescerà dell’1,5% ma frenerà arrestandosi all’1,2% nel 2019. Maglia rosa a Malta (5,8% nel 2018 e 5,1% nel 2019), seguita da Irlanda (5,7% e 4,1%).

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + uno =

Close