Scienza

Il Dna è una molecola dinamica: individuata e studiata una nuova struttura di quattro filamenti

A 65 anni dalla scoperta della struttura a doppia elica, un groviglio di quattro filamenti è stato individuato per la prima volta dai ricercatori dell'Istituto medico australiano Garvan, grazie ad anticorpi progettati per legarsi ad essa

Il biologo americano James Watson e il fisico britannico Francis Crick negli anni ‘50 intuirono la struttura della molecola della vita, simile a una scala a pioli: il DNA. Nei laboratori del Medical Research Council a Cambridge, i due studiosi scoprirono la struttura primaria della molecola: una forcina, a croce o a doppia elica. Questa è stata la notizia sensazionale di quegli anni, ma adesso – a 65 anni di distanza- sulla rivista Nature Chemistry è stato studiato e descritto un groviglio di quattro filamenti. Questa struttura inedita, individuata dai ricercatori dell’Istituto medico australiano Garvan, è stata riconosciuta grazie ad anticorpi progettati per legarsi ad essa.

Per arrivare a questa scoperta, il team di genetisti ha ricreato la struttura a quattro eliche in vitro e, grazie alla fluorescenza, ha potuto individuare questa struttura nel nucleo cellulare dove si sono presentato i ‘nodi’ con quattro pieghe. Attualmente la struttura osservata dai ricercatori risulta temporanea: appare e scompare nel corso del tempo e per questo motivo non era mai stata individuata prima e studiata nelle sue funzioni. Sarà necessario approfondire e indagare ulteriormente.

Il genetista Giuseppe Novelli – rettore dell’Università Tor Vergata di Roma – ha spiegato: “Lo studio dimostra che il Dna è una molecola dinamica, che cambia aspetto e indossa abiti diversi, a seconda delle fasi del ciclo cellulare”. Per Novelli, “la struttura a 4 eliche potrebbe facilitare la lettura delle informazioni del Dna. Rimane da capire come questa forma incida sul funzionamento cellulare. Potrebbe, ad esempio, influenzare l’architettura del nucleo, che è collegata ad alcune forme di tumore o a una malattia rara che causa l’invecchiamento precoce, la progeria”, ha concluso il genetista.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =

Close