Running

Running: appoggio del piede e scelta delle scarpe

Il 'test del bagnato'

Bentornati nella rubrica dedicata al running; dopo i vari consigli su come iniziare e come vestirsi, oggi parleremo dell’appoggio del piede.

I piedi sono gli arti più strutturati del corpo umano, costituiti da numerose e complesse articolazioni che permettono loro di avere un’ottima capacità di movimento; sono formati da 26 ossa e si caratterizzano per differenti tipi di appoggio. Scopriamo quali sono per determinare la scarpa più adatta alla nostra tecnica di corsa.

Il primo consiglio che vi do è quello di iniziare a capire che tipo di appoggio avete; se effettuate una ricerca online, troverete molti negozi che offrono la prova dell’appoggio correndo su un tapis roulant e valutando il vostro tipo di appoggio. Se tuttavia non avete la possibilità di recarvi in questi store, potete compiere tranquillamente a casa vostra la prova chiamata “test del bagnato”.

Nessuna preoccupazione, si tratta di un esperimento molto semplice:

1 – prendete un recipiente poco profondo e piatto, versate un sottile strato d’acqua;
2 – bagnate la pianta del piede;
3 – salite su foglio di carta pesante con solo un piede;
4 – scendete e controllate l’impronta che avete lasciato.

Adesso, osservando l’orma impressa sul foglio, potrete capire che tipo di appoggio avete e di conseguenza che tipo di scarpa running è più adatta al vostro piede.

PRONAZIONE/SUPINAZIONE

Con il termine “pronazione” si indica la fisiologica rotazione del piede verso l’interno, mentre con “supinazione” ci si riferisce all’attitudine contraria: una certa rigidità articolare non consente di completare il processo fisiologico di pronazione e il runner appoggia all’esterno anche l’avampiede.

Potremmo stare qui ore a parlare di pronazione e supinazione; tante volte, peraltro, se ne parla anche a sproposito. Quindi, non vi resta che recarvi in un negozio specializzato, indicare al personale il vostro tipo di impronta e lasciarvi guidare e consigliare dalla sua competenza.

Si tratta, in ogni caso, di indicazioni assolutamente basilari, sufficienti a saperne di più, ma senza confondere le idee più del necessario. Personalmente, ritengo che la scarpa perfetta sia quella che fa dimenticare a chi la indossa di averla ai piedi; ciò infatti significa che la calzatura è in grado di compiere il proprio lavoro in modo semplice, lasciando il piede in completo benessere quando a fine allenamento viene rimossa.

Adesso non vi resta che trovare la scarpa più adatta al vostro stile di corsa; ce ne sono davvero un infinità e i prezzi variano dai 30 ai 200 euro; avete davvero l’imbarazzo della scelta. Io, ad esempio, ne adopero più di un paio; un modello per le uscite lunghe (più ammortizzate) e un altro modello per le ripetute e per i lavori brevi (più morbide e leggere).

Ora che avete avuto qualche consiglio su come vestirvi (vedi l’articolo della scorsa settimana) e che sapete come scegliere la vostra scarpa, è tempo di uscire e continuare a completare la tabella di corsa.

Come sempre, per consigli ed informazioni, potete tranquillamente scrivermi. Buone corse a tutti, appuntamento alla settimana prossima.

Antonio De Vito

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =

Close