Cronaca

Tiziano Renzi e la moglie rinviati a giudizio per fatture false

I genitori dell'ex premier devono rispondere di due fatture da 20mila e 140mila euro

Firenze, 11 maggio – La Procura di Firenze ha rinviato a giudizio Tiziano Renzi e la moglie, Laura Bovoli, i genitori dell’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il capo d’imputazione è di emissione di fatture false da parte delle loro aziende. Con loro, rinviato a giudizio anche l’imprenditore degli outlet, Luigi Dagostino, accusato anch’egli di emissione di fatture false ma anche di truffa.

Stando all’inchiesta dei PM Luca Turco e Christine von Borries, le cui indagini sono state condotte dalla Guardia di Finanza, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, tramite le loro aziende, la ‘Party’ e la ‘Eventi 6’, avrebbero emesso due fatture per operazioni inesistenti per un valore di 20mila e 140mila euro oltre IVA, verso la ‘Tramor Srl’, zi tempi dei fatti amministrata da Dagostino.

I pagamenti si riferivano a studi di fattibilità relativi al centro commerciale ‘The Mall’. Secondo la Procura, gli studi non vennero mai eseguiti mentre le fatture alle aziende di Tiziano Renzi e Laura Bovoli vennero pagate.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × tre =

Close