Politica

Governo Lega-M5S: nuovo incontro tra i due leader, ma resta ancora vacante la posizione da premier

L'accordo di governo tra M5s e Lega resta ad un punto morto: sono stati fatti passi avanti sul programma, ma è emersa una divergenza non indifferente su chi sarà premier. Ancora nessun nome

Dopo lo sprint iniziale, l’accordo di governo tra M5s e Lega si è un attimo arrestato: il nodo cruciale sul quale sembra non trovare soluzione rimane il nome del Presidente del Consiglio e dei ministri di peso (Esteri, Difesa, Economia). Il leader di M5s ha detto che passi avanti sono stati fatti sul programma, ma è emersa una divergenza su uno dei temi caldi: chi sarà premier. Di Maio insiste sulla premiership a lui stesso o a un esponente M5S, ma per questo, la trattativa con la Lega, si è arenata.

Durante il secondo incontro tra Di Maio e Salvini questo punto non è stato sciolto e attualmente brancola nel buio: le fonti parlamentari di entrambe i partiti hanno espresso scetticismo sul nome di Giampiero Massolo, ex segretario generale alla Farnesina e presidente di Fincantieri. Sembrerebbe ancora papabile, il segretario generale agli Esteri, Elisabetta Belloni, come pure il professor Giacinto Della Cananea. Ma per il verdetto definitivo, si deve ancora attendere. Per cercare di smuovere la situazione, oggi pomeriggio a Milano, negli uffici di M5s al Pirellone si svolgerà un nuovo faccia a faccia: i partiti hanno preso impegno con il Quirinale per proporre il nome del Presidente del Consiglio entro domenica e vogliono mantenere la parola data.

Un altro punto cruciale restano i nominativi per il Tesoro e l’Interno: al Mef potrebbe finire Giorgetti, mentre il Viminale potrebbe toccare a Salvini, sebbene i ruoli del leader della Lega e di Di Maio nel futuro governo siano ancora incerti. Per quanto riguarda Sviluppo Economico, Lavoro, Giustizia ed Esteri, potrebbe spettare al M5S: sui primi tre circolano i nomi di Stefano Buffagni, Pasquale Tridico e Alfonso Bonafede. E un ruolo di governo dovrebbe toccare anche a Vincenzo Spatafora. Interno, Difesa, Trasporti, Agricoltura sono i ministeri a cui punterebbe la Lega.

Come si può evincere, tra i nomi dei ministri non figurano esponendi di Fdi, questo perché l’incontro tra Di Maio e Giorgia Meloni si è concluso con un nulla di fatto: “Ho spiegato a Meloni che è fuori dal contratto”, ha affermato Di Maio e la Meloni ha replicato: “Ha chiesto il sostegno di Fdi ad una premiership sua o scelta dal M5S. Ho detto di no e lui ha risposto che in tal caso porrebbe un veto alla nostra presenza”.

Preoccupato il premier Paolo Gentiloni per le possibili “soluzioni sovraniste”, che egli stesso ha definito “illusorie”: il presidente del Consiglio ha anche fatto una sorta di appello al futuro governo a “non andare fuori strada rispetto agli sforzi fatti” negli anni precedenti, perché “il Paese e gli italiani correrebbero dei rischi.” Ed anche il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, ha parlato di “attenzione” verso le vicende italiani da parte dell’Europa. Ma rassicurazioni in merito sono subito arrivate da entrambi i partiti: “Non ci saranno forzature sul deficit”, e DI Maio ha poi aggiunto: “chi considera le istanze di M5s verso l’Ue come una minaccia, forse vede una minaccia per la sua poltrona”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 14 =

Close