Cronaca

Milano, due graduati dell’ATM aggrediti e picchiati

L'episodio la scorsa notte nel centralissimo Piazzale Cadorna

Milano, 14 maggio – La scorsa notte, intorno alle 3,30, due graduati dell’ATM, l’azienda di trasporto pubblico di Milano, sono stati aggrediti e percossi durante un intervento di aiuto ad un collega che aveva avvisato la sala radio per atti vandalici in corso sull’autobus che stava conducendo. E’ accaduto nel centralissimo Piazzale Cadorna.

A compiere l’aggressione, non un singolo ma un gruppo di persone. Il pestaggio è stato talmente violento che per uno dei due si è reso necessario il ricovero all’Humanitas di Rozzano. Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118 e la Polizia di Stato.

Il Coordinamento RSU di ATM ha emesso un comunicato durissimo: “Il gravissimo episodio non può passare inosservato” e prosegue: “E’ giunta l’ora che le istituzioni e l’azienda intraprendono iniziative efficaci per tutelare la sicurezza dei cittadini e dei colleghi che quotidianamente sono esposti a questi episodi di inaudita violenza”.

L’Assessore regionale alla Sicurezza, Riccardo De Corato ha commentato i fatti affermando: “Esprimo il mio sostegno e la mia vicinanza non solo ai due aggrediti, ma a tutto il personale di Atm che ogni giorno, e soprattutto ogni notte, lavora e viaggia esponendosi a grossi e sempre più evidenti rischi”. L’Assessore ritiene che da parte delle Istituzioni occorra “intensificare il loro impegno e rendere più efficace il monitoraggio dei territorio imprimendo rigore e rispetto delle regole a tutela dei lavoratori”.

La Consigliera regionale di Forza Italia, Silvia Sardone rileva un disinteresse verso la questione, da parte del Comune di Milano.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 4 =

Close