Politica

“Governo Lega-M5s: vi spiego perché non durerà”. Parla Lorenzo Annoni del Nuovo CDU

Il referente milanese del Partito auspica comunque "azioni mirate e celeri in merito al programma economico in atto"

Il governo giallo-verde è destinato ad un’implosione nel medio termine. Ne è convinto Lorenzo Annoni, referente del Nuovo CDU per la città di Milano. L’opinione è data da quanto emerso dalla riunione della Segreteria Nazionale del Partito, svoltasi la scorsa settimana.
Secondo il Nuovo CDU, il dissenso nei confronti del nuovo governo è chiaro e netto. “Si ritiene che l’attuale direzione del Paese – afferma Annoni – sia frutto di un accordo di palazzo tra gruppi politici contrapposti e, in tempo di elezioni, ‘l’un contro l’altro armato’. Il programma stilato dalle due forze ci appare come una sorta di libro dei sogni contenente molte intenzioni, spesso contrastanti e quasi sempre prive della rispettiva copertura economica”. L’opposizione del Nuovo Cdu alla formazione di questo governo si fonda quindi su una valutazione dei progetti già annunciati e delle conseguenze previste.
“Nel medio termine – prosegue Annoni – questa maggioranza crollerà a causa delle sue contraddizioni interne e delle difficoltà a reperire le risorse economiche necessarie per concretizzare il piano di lavoro”.
Per il momento, restando nell’ambito economico e con le riserve del caso, il Nuovo Cdu pone l’accento su alcuni specifici aspetti su cui si valuterà l’azione del governo. Nella fattispecie, sostiene la Web tax, la nuova imposta sulle transazioni digitali che dovrebbe colpire i colossi dell’e-commerce (Amazon, Google, Facebook), e gli obblighi sulla fatturazione elettronica che scatterà già dal 1° luglio 2018 per i rivenditori di carburante. Entrambe le azioni dovranno essere condotte in maniera ottimale, quindi regolate a livello normativo, riducendo le difficoltà operative e contrastando le opposizioni in atto. Un’altra questione che scotta è l’aumento dell’IVA, che potrebbe arrestarsi solo se il governo trovasse i 12,4 miliardi necessari a disinnescare le “clausole di salvaguardia”.
“Infine, vorremmo che la cancellazione dell’Imu sui negozi sfitti non fosse solo dichiarata – conclude Annoni – ma anche attuata. Nonostante crediamo che il destino di questa alleanza parlamentare sia già scritto, mettiamo al primo posto il bene dei cittadini italiani, perciò speriamo che queste migliorie, di cui condividiamo gli intenti, vengano realizzate in tempi brevissimi”.
Antonio Marino
Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − sei =

Close