Politica

Pubblica Amministrazione. Nel mirino della Bongiorno, fannulloni, assenteisti e raccomandati

Il nuovo Ministro annuncia novità decisive: "Non ho l'ansia di mettere il mio nome su una legge, ma di far funzionare la Pubblica amministrazione"

Il nuovo Ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione, Giulia Bongiorno ha affermato: “Agirò col bisturi per curare le disomogeneità nei servizi”. “Non ho l’ansia di mettere il mio nome su una legge, ma di far funzionare la Pubblica amministrazione”, ha dichiara la Bongiorno. Come? Con ispezioni a sorpresa contro i dipendenti pubblici fannulloni, impronte digitali per fermare i “furbetti del cartellino”, voti dei cittadini contro i raccomandati e codice degli appalti più snello.

Per il Ministro, cambiare è fondamentale e bisogna iniziare a fare il primo passo, partendo proprio dai sopralluoghi a sorpresa. Blitz? Saranno dei veri e proprio blitz ma “ma nulla di punitivo: più che altro ispezioni a campione con pool di esperti. I nostri ispettori e specialisti di modelli organizzativi”, ha dichiarato la Bongiorno. Poi “se troverò disservizi causati da difficoltà oggettive, aiuteremo a colmare le lacune. Ma se emergessero inerzie saremo inflessibile”, ha quindi spiegato il Ministro.

Intollerabile per la Bongiorno l’assenteismo, che lo definisce un “fenomeno odioso”. Ok alle sanzioni modificate da Madia, ma è ancor più importante prevenire affinchè il fatto proprio non sussista. Per fare ciò, la Bongiorno ha proposto “rilevazioni biometriche per evitare che ci sia chi strisci il tesserino per altri. E se questo volesse dire prendere le impronte digitali ai dipendenti, non ci sarebbe nulla di male – ha affermato il ministro -. A me alla Camera le hanno prese quando c’erano i ‘pianisti’. E non sono rimasta traumatizzata”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda la privacy, la Bongiorno ha spiegato: “Tra beni confliggenti deve prevalere l’interesse collettivo: che siano tutti al lavoro, al servizio del cittadino”. Infine i raccomandati: “La carriera del raccomandato si può stroncare valutandolo. Ma oggi le valutazioni sono tutte brillanti, in un sistema che non lo è. Come mai? L’unico che può valutare senza sconti e con criteri oggettivi è il cittadino. Inserirò criteri legati al merito”, ha concluso la Bongiorno.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + tredici =

Close