Speciale Russia 2018

Calcio, Mondiali: l’Argentina rivede la luce e trova la Francia

Negli ottavi incrocio Croazia-Danimarca

Il Mondiale di Russia ha conosciuto ieri altre quattro delle squadre che disputeranno gli ottavi di finale. Nel gruppo C, alla già qualificata Francia si è aggiunta la Danimarca; resta così fuori l’Australia (che ancora era autorizzata a sperare), sconfitta nell’ultima giornata contro il già estromesso Perù. Palpitante, invece, l’intreccio nel gruppo D; la Croazia, pur certa degli ottavi batte l’Islanda, mentre l’Argentina si impone sulla Nigeria e ottiene una qualificazione che andava sempre più allontanandosi con lo scorrere dei minuti.

Nel pomeriggio, al “Lužhniki” di Mosca, tra Francia e Danimarca succede poco o nulla, con le due squadre che chiudono sullo 0-0 e passano il turno; i transalpini, primi con 7 punti, agevolano con una prestazione piuttosto morbida la qualificazione dei danesi, giunti secondi a quota 5, a cui bastava non perdere per essere certi degli ottavi di finale. A Sochi, diversamente, l’Australia avrebbe dovuto sconfiggere il Perù e confidare in una vittoria dei “galletti” per garantirsi un posto nella griglia degli ottavi. Nulla di tutto questo; al pareggio di Mosca, si aggiunge la sconfitta degli oceanici contro i sudamericani, peraltro già pronti al ritorno a casa. Gli andini si impongono per 2-0 in virtù delle reti di Carrillo al 18° e di Guerrero al 50° e chiudono decorosamente la propria partecipazione al Mondiale collocandosi al terzo posto nel girone con 3 punti, mentre i “socceroos” si piazzano ultimi con un solo punto.

In serata, nel gruppo D, l’Argentina riemerge dall’inferno sconfiggendo per 2-1 la Nigeria a San Pietroburgo; non sono stati novanta minuti semplici per l'”Albiceleste”, costretta a vincere e a tendere l’orecchio verso Rostov, dove l’affermazione della Croazia sull’Islanda per 2-1 ha decretato il passaggio del turno dei sudamericani. Mentre sulle rive del Don tutto tace (croati e islandesi chiudono il primo tempo a reti inviolate), l’Argentina assapora gli ottavi grazie allo splendido destro ad incrociare di Messi, che vince la maledizione da cui sembrava essere attanagliato in questo Mondiale e al 14° manda in visibilio il popolo argentino. Al 51° l’arbitro Cakir fischia però coraggiosamente un calcio di rigore a favore dei nigeriani, che Moses trasforma freddamente spiazzando Armani, preferito da Sampaoli a Caballero dopo il disastro contro la Croazia; per l’Argentina è tutto da rifare, mentre da Rostov non arrivano buone notizie.

Tra Croazia e Islanda, infatti, il match si accende; all’inizio della seconda frazione, Badelj scuote la traversa con un bolide da fuori (51°) per poi regalare il vantaggio ai croati due minuti dopo con una conclusione dal cuore dell’area. Poco dopo, gli islandesi pareggiano il conto dei legni e successivamente trovano l’1-1 dal dischetto con Sigurdsson (76°) dopo un indiscutibile fallo di mano in area di Lovren. L’1-1 dei due campi premia temporaneamente la Nigeria, che non fatica a contenere gli argentini, sopraffatti dalla stanchezza e dallo spettro sempre più visibile dell’eliminazione. All’86°, però, le preghiere dei sudamericani vengono esaudite quando sul cross dalla destra di Mercado irrompe Rojo, che buca di prepotenza Uzoho per il 2-1 argentino; il gol croato di Perisic a Rostov sgombra definitivamente il campo da tutte le paure e per l’Argentina è festa grande.

Negli ottavi di finale l’Argentina affronterà la Francia il 30 giugno a Kazan in una sfida a dir poco affascinante; ad attendere la Croazia c’è invece la Danimarca nel match di Novgorod del 1° luglio. Oggi si decideranno altre quattro partecipanti agli ottavi con la terza giornata dei gironi E ed F, in cui non tutto è ancora deciso. Alle 16, a Kazan, si svolgerà Corea del Sud-Germania, con i tedeschi obbligati a vincere contro gli asiatici (già fuori dal torneo) per evitare sorprese; contemporaneamente, ad Ekaterinburg, scenderanno in campo Messico e Svezia, con gli ispanici a cui basta un punto e gli scandinavi costretti a fare risultato e a sperare in notizie confortanti da Kazan. Alle ore 20, per il gruppo E, lo “Spartak Stadium” di Mosca si aprirà per Serbia-Brasile, con entrambe le squadre in lizza per gli ottavi insieme alla Svizzera, che alla stessa ora, a Novgorod, se la vedrà con la Costa Rica, già eliminata; delle tre contendenti, festeggeranno soltanto in due.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × uno =

Close