Scienza

Sclerosi multipla: eseguito trapianto di cellule staminali sui primi tre pazienti

L'intervento è avvenuto senza complicazioni, iniettando 5 milioni di cellule

In occasione dell’Assemblea Nazionale della Pontificia Accademia per la Vita in Vaticano, monsignor Paglia ha annunciato che è stato eseguito correttamente il trapianto di cellule staminali sui primi tre pazienti affetti da sclerosi multipla, i quali stanno bene e non manifestano effetti collaterali. Ideatore, coordinatore dello studio e della sperimentazione è Angelo Vescovi, direttore scientifico di Revert Onlus e dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia).

Il trattamento, eseguito dal neurochirurgo Sandro Carletti, responsabile del Dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale Santa Maria di Terni, è avvenuto senza complicazioni e non si sono registrati eventi avversi imputabili alla procedura. L’ultimo paziente è stato trattato il 13 giugno. “Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti in questo prima parte della sperimentazione”, ha commentato Vescovi aggiungendo che “i pazienti sono sotto controllo e stanno bene: non abbiamo rilevato alcuna evidenza di effetti collaterali. Quello intrapreso è un percorso lungo e complesso, ma la conclusione del trapianto sul primo gruppo di pazienti è un segnale positivo che rappresenta un nuovo traguardo per la ricerca scientifica italiana verso la cura delle malattie neurodegenerative. Per quanto si tratti di una sperimentazione di fase I, abbiamo costruito il disegno sperimentale in modo da avere qualche probabilità di potere evincere eventuali effetti terapeutici”, ha spiegato Vescovi.

Come è stato effettuato il trapianto sul primo campione di pazienti? Sono state iniettate 5 milioni di cellule staminali nella cavità del ventricolo laterale cerebrale per favorirne la diffusione nel sistema nervoso centrale attraverso il liquido cefalorachidiano. Visto l’esito positivo, l’intento ora è quello di proseguire con la sperimentazione. Infatti, l’equipe di clinici e ricercatori è in attesa dell’autorizzazione a procedere nei prossimi mesi con il trapianto di cellule staminali celebrali sui prossimi gruppi di pazienti arruolati per il trial clinico di fase 1, per valutare la sicurezza e la tollerabilità della terapia. Saranno coinvolti 15 pazienti, tra i 18 e i 60 anni, affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva.

Il dosaggio cellulare verrà raddoppiato nel secondo gruppo e incrementato in modo progressivo nei gruppi successivi di pazienti, per permettere la valutazione di eventuali effetti neurologici e terapeutici. Alla fine ci sarà un periodo di monitoraggio con controlli mensili nel primo anno e semestrali nei successivi cinque anni dall’intervento. Questa sperimentazione clinica di fase I sulla sclerosi multipla secondaria progressiva è condotta in collaborazione con la Fondazione Cellule Staminali di Terni, l’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni, lo Swiss Institute for Regenerative Medicine e l’Ospedale Cantonale di Lugano. Un passo importante per la scienza, i pazienti affetti da sclerosi multipla e le loro famiglie. Una speranza per il futuro, una possibilità di stare meglio e – forse – finalmente una cura a questa terribile malattia.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + 2 =

Close