Speciale Russia 2018

Calcio, Mondiali: in semifinale sarà Francia-Belgio

Eliminate nei quarti Uruguay e Brasile

Il Mondiale di Russia ha le sue prime due semifinaliste. Nel pomeriggio di ieri, la Francia ha sconfitto l’Uruguay per 2-0, mentre nell’incontro serale il Belgio ha autorevolmente battuto il Brasile per 2-1; martedì 10 luglio, a San Pietroburgo, il derby della Gallia decreterà dunque la prima finalista della competizione. Saluta invece il Mondiale il Sudamerica, che ha visto ieri estromesse le proprie ultime rappresentanti; comunque vadano oggi gli ultimi due quarti di finale, dunque, il torneo ormai rimane una questione esclusivamente europea.

A Novgorod, la Francia ha avuto ragione della “Celeste” realizzando un gol per tempo e il 2-0 finale descrive da una parte il cinismo e l’essenzialità della squadra di Deschamps, dall’altra punisce severamente i sudamericani, che hanno probabilmente pagato lo sforzo della grande prestazione offerta contro il Portogallo e hanno risentito della non trascurabile assenza in avanti di Edinson Cavani. L’avvio non offre molto, con entrambe le squadre che risultano poco propense ad esibire quella sfacciataggine offensiva di cui, soprattutto la Francia, si erano mostrate ben attrezzate negli incontri precedenti. Poco prima dell’intervallo, però, Varane infrange l’equilibrio intervenendo di testa su un calcio da fermo di Griezmann; l’undici di Tabarez ha la possibilità di rifarsi a stretto giro di posta, ma la parata di Lloris sul colpo di testa di Caceres è ai limiti del miracoloso.

L’inizio della ripresa taglia poi definitivamente le gambe agli uruguagi, con il portiere Muslera che viene dapprima graziato su una propria leggerezza con i piedi, per poi incorrere in un grave difetto di posizionamento e di presa su una velenosa conclusione dalla distanza di Griezmann; è il 2-0 che sancisce, quasi senza sforzo apparente, il ritorno dei “Bleus” tra le prime quattro del Mondiale, come non accadeva dalla rassegna di casa del 1998. L’Uruguay esce comunque a testa altissima dopo aver eliminato i campioni d’Europa del Portogallo e lascia al mondo l’esemplare figura di Oscar Tabarez, rara espressione di signorilità ed eleganza, per nulla intaccate dalla malattia.

A Kazan, il Belgio gela il Brasile per 2-1 e raggiunge una semifinale conquistata per l’ultima volta nel 1986; per i verdeoro, si consuma invece l’ennesima delusione, con il titolo che continua a mancare dopo il trionfo nippo-coreano del 2002. La squadra di Tite dispone immediatamente di un’occasione, seppur casuale, con il palo colpito da Thiago Silva; al 13° arriva però il vantaggio belga a seguito dell’autorete di Fernandinho, che buca Alisson su un corner di Chadli. Il Brasile prova a reagire ma è disordinato, mentre il Belgio ha le idee chiare ed è mortifero in contropiede; alla mezz’ora Lukaku conduce una ripartenza coniugando velocità e potenza e sul suo servizio De Bruyne infila il 2-0 con una superba staffilata in diagonale.

Nel secondo tempo l’undici di Martinez perde di compattezza, inevitabilmente fiaccato dal ritmo sostenuto nella prima frazione e il Brasile vive più di impeto che di lucidità; Renato Augusto ad un quarto d’ora dal termine perfeziona di testa lo splendido suggerimento di Coutinho e i sudamericani rialzano la testa. I due protagonisti dell’1-2 falliscono poi la rete del pari, mentre nel recupero Courtois nega a Neymar la rete che spedirebbe le due squadre ai supplementari, andando a togliere da sotto la traversa il pallone calciato dal numero 10 verdeoro.

Oggi il campo stabilirà le contendenti della semifinale di mercoledì 11 al “Lužhniki” di Mosca. Alle 16, sarà il momento di Svezia-Inghilterra a Samara, mentre nel match serale i padroni di casa della Russia affronteranno la Croazia a Sochi.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 1 =

Close