Politica

FONDI LEGA. MORRONE: “VIA LA SINISTRA DALLA MAGISTRATURA”. DIVAMPA LA POLEMICA

Il Vicepresidente del CSM, Legnini chiama in causa il Ministro Bonafede

Le parole del Sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone, a commento della vicenda sui fondi della Lega, hanno scatenato un’aspra polemica politica. Morrone aveva infatti auspicato “che la magistratura si liberi dalle correnti, e in particolare che si liberi di quelle di sinistra”.

Le affermazioni del Sottosegretario non sono state minimamente gradite dall’Associazione Nazionale Magistrati che le ha definite “gravissime e inaccettabili, sia perché rese in una sede istituzionale e in un contesto di formazione di giovani magistrati, la cui reazione è stata di sconcerto, sia perché provenienti da un rappresentante del Governo invitato all’incontro nella sua veste istituzionale”.

Alla reazione dell’ANM si è aggiunta anche quella di Giovanni Legnini, Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura: “”Telefonerò e scriverò una lettera al ministro della Giustizia sulle parole del sottosegretario Jacopo Morrone per informarlo e chiedere di assumere delle determinazioni”, ha detto l’alto magistrato aggiungendo: “Le parole del Sottosegretario della Lega Jacopo Morrone non possono essere né condivise né accettate. La libertà di associazione è riconosciuta dalla Costituzione a tutti i cittadini e ovviamente anche ai magistrati”.

Dal canto suo, Morrone non fa passi indietro rispetto alle sue affermazioni. “Rivendico la posizione politica, in magistratura non ci sono correnti migliori di altre – ha affermato il Sottosegretario -. Ma le mie parole pronunciate questa mattina al CSM sono una opinione personale che non rappresenta la posizione del Ministro”. Morrone ha poi aggiunto: “In questo senso ho avuto un’uscita irruente e infelice rispetto al contesto e alla rappresentanza. Rivendico comunque la posizione politica: la Lega ha sempre criticato le correnti in magistratura perché portano alle storture che sono emerse e a più riprese denunciate in diversi anni”. “Non era mia intenzione sostituirmi al Ministro di cui stimo e rispetto la posizione; così come rispetto la stragrande maggioranza della magistratura che porta avanti la propria missione con abnegazione e imparzialità”, ha concluso.

Nell’ambito del Governo, il Vicepremier Luigi Di Maio si schiera con il Ministro Bonafede che, replicando alle parole di Salvini contro la magistratura, ha dichiarato: “Le sentenze vanno rispettate, senza evocare scenari che sembrano appartenere più alla Seconda Repubblica”.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + dodici =

Close