Scienza

Abuso di farmaci: in aumento quelli impiegati per potenziare l’attenzione sul lavoro

Il sondaggio, su migliaia di persone in 15 nazioni, ha rivelato che provengono da amici, internet, familiari o ricette

Uno studio pubblicato sull’International Journal of Drug Policy e ripreso da Nature online, ha lanciato un allarme preoccupante: è cresciuto l’uso di farmaci impiegati in modo improprio per potenziare l’attenzione, studiare o migliorare le prestazioni sul lavoro. Il risultato è stato frutto di un sondaggio eseguito su decine di migliaia di persone in 15 nazioni nel mondo. I dati emersi hanno rivelato che il 14% ha dichiarato di aver utilizzato “droghe intelligenti” almeno una volta nei 12 mesi precedenti nel 2017, rispetto al 5% del 2015, con una crescita del 9% in due anni.

Larissa Maier è la psicologa dell’Università della California – San Francisco, che ha guidato lo studio: “I partecipanti alla Global Drug Survey – ha dichiarato commentando i risultati ottenuti – sono più propensi della popolazione generale a essere interessati all’uso di droghe, il che potrebbe influenzare i risultati”. La Maier ha poi aggiunto: “Tuttavia, percentuali simili di uso non medico di smart drug sono osservate anche negli studi sulla popolazione generale, e ciò suggerisce che i risultati dell’indagine sono robusti”.

Ed essere preso in esame è stato l’uso di sostanze normalmente prescritte nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), così farmaci studiati per curare i disordini del sonno in chi fa turni notturni; ma anche stimolanti illegali come la cocaina.
 Il tasso più alto di utilizzo è stato riscontrato negli USA: nel 2017 quasi il 30% degli intervistati ha dichiarato di aver usato smart drug almeno una volta nei precedenti 12 mesi, rispetto al 20% del 2015. Non da meno l’Europa: dal 2015 al 2017 l’uso in Francia è salito dal 3% al 16%, nel Regno Unito dal 5% al 23%, in Olanda dal 10% al 24%, in Irlanda dal 4% al 18%.

Come sono entrate in contatto le persone con questi farmaci? Quasi la metà (48%) delle persone ha dichiarato di averli avuti attraverso gli amici, il 10% li ha acquistati da un rivenditore o su internet, il 6% li ha ottenuti da un membro della famiglia e il 4% ha dichiarato di avere le proprie ricette.
 Barbara Sahakian, neuroscienziata dell’Università di Cambridge nel Regno Unito ha osservato: “C’è un crescente uso legato agli stili di vita di farmaci che potenziano le capacità cognitive da parte di persone sane e questo solleva preoccupazioni etiche”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − otto =

Close