Cronaca

Linosa. Quattro migranti si tuffano da un barcone e annegano

La reazione alla vista delle navi di Frontex e della GdF

Ragusa, 17 luglio – Quattro migranti che viaggiavano su un barcone insieme ad altre 26 persone sono morti annegati dopo essersi tuffati dall’imbarcazione. La reazione è stata data dall’aver visto la Protector di Frontex e la Monte Sperone della Guardia di Finanza. Il dramma si è verificato al largo dell’isola di Linosa.

Per quanto riguarda le indagini relative all’imbarcazione che alcuni giorni fa è stata fermata con 447 persone a bordo, si apprende che il comandane e l’equipaggio fermati a Pozzallo con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, è stato contestato anche il reato di morte come conseguenza di altro delitto.

I fermati sono di nazionalità egiziana, siriana, tunisina ed algerina. Si tratta degli egiziani Abdu Mostafa Abul Majd Arafa, di 27 anni; Abd El Gawed Mouhamed Hamed, di 20; Mohamed Faycel Mostafa, di 18; Achraf Fekre El Bahlaouane, di 28; Mohammed Sayed Mehrez, di 49; Shabeen Kamal Abdel Adim, di 29. I due siriani sono: Mouhamed Adnan Awad, di 38 anni, e Mouhammed Noure Hamem, di 54. L’algerino è Hamlil Youssef, di 33, al quale si aggiungono due tunisini: Kamal El Waer, 33 anni, e Ben Mohamed Nabil, di 32. Il comandante dell’imbarcazione era già stato arrestato nel 2004, quando faceva lo scafista.

Circa i 447 migranti, sono stati tutti fotosegnalati dalla Scientifica di Ragusa. Tra questi, anche due nigeriani precedentemente espulsi dall’Italia perché clandestini.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Quasi cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 6 =

Close