Scienza

Anemia: i globuli rossi hanno doti diagnostiche per riconoscerla velocemente

Un nuovo strumento: sarà possibile fornire ai medici un test più affidabile che andrà a integrare gli esami attuali per la diagnosi della malattia

I globuli rossi come vere e proprie lenti d’ingrandimento per la diagnosi delle anemie. Uno studio firmato dall’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti del Consiglio nazionale delle ricerche di Pozzuoli (Cnr-Isasi) in collaborazione con il Centro di ricerca e biotecnologie avanzate Ceinge di Napoli, rivela come le particelle del sangue abbiamo “doti” diagnostiche, in grado di riconoscere in maniera affidabile e veloce l’anemia in un paziente. L’indagine è pubblicata sulla rivista Acs Analytical Chemistry.

L’anemia sappiamo essere una carenza di globuli rossi sani e può essere diagnosticata quando il livello di emoglobina nel sangue è minore del normale. Una vera e propria alterazione nel numero, nella produzione e nel metabolismo dei globuli rossi. Attualmente gli esami utilizzati nella valutazione iniziale della malattia sono l’emocromo completo e l’osservazione dello striscio di sangue periferico, per un’indagine più approfondita che però è legata all’esperienza del medico che osserva le cellule al microscopio e quindi più soggetta ad errore.

Con questo nuovo strumento diagnostico, sarà invece possibile fornire ai medici un test più affidabile e veloce, che andrà a integrare gli esami attuali di laboratorio per la diagnosi delle anemie. In questo caso, è stato fondamentale – per arrivare a questa consapevolezza – il contributo di un precedente studio del Cnr-Isasi, pubblicato su Nature Communications, che dimostrava come i globuli rossi in sospensione possano comportarsi da microscopiche lenti, dotate di particolari proprietà di ingrandimento e ‘messa a fuoco’.

Martina Mugnano, ricercatrice Cnr-Isasi, ha spiegato: “E’ possibile discriminare i globuli rossi malati che hanno caratteristiche morfologiche simili ai globuli sani”. In pratica, unendo l’abilità alla tecnologia laser per la creazione di immagini in 3D, i ricercatori sono riusciti a definire una serie di parametri ottici che permettono di identificare ciascun globulo rosso risalendo quindi alle diverse forme di anemia. Un traguardo importante per diagnosticare una condizione che colpisce numerosi pazienti.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo quotidianamente di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − cinque =

Close