Mondo

Trump nei guai. L’ex legale: “Pagai due donne per farle tacere: lui sapeva”

Paul Manafort, ex capo della campagna elettorale, giudicato colpevole di otto reati

Washington, 22 agosto – Nuovi guai per Donald Trump. Il suo ex legale, Michael Cohen si dichiara colpevole di 8 capi d’accusa tra i quali, l’aver pagato due donne per farle tacere. La cosa sarebbe stata richiesta e coordinata dallo stesso Trump. Cohen pagò quindi 130mila dollari ad una e 150mila dollari ad un’altra affinché non parlassero in merito a relazioni avute con l’inquilino della Casa Bianca. L’ex legale di Trump ha spiegato che i pagamenti vennero fatti allo scopo di “influenzare le elezioni”.

Cohen ha rivelato l’identità delle due donne ma le destinatarie dei pagamenti risultano essere la pornostar Stormy Daniels e l’ex coniglietta di Playboy Karen McDougal. L’ex legale rischia una condanna tra i quattro ed i cinque anni e tre mesi. La sentenza è attesa per il 12 dicembre. Il giudice ha fissato la cauzione in ragione di 500mila dollari.

La posizione di Trump diventa così molto delicata poiché in base alle dichiarazioni di Cohen, si sarebbe reso colpevole di un preciso reato.

Nello stesso momento, l’ex capo della campagna elettorale del presidente USA, Paul Manafort, è stato giudicato colpevole di otto reati, cinque dei quali relativi a frodi fiscali. Va comunque detto che i reati ascritti a Manafort non toccano direttamente Trump. L’inchiesta tuttavia, corrobora l’ormai storico Russiagate che ha avuto peso nel formulare la sentenza.

Trump, dal canto suo ha preso le distanze da Manafort, dicendosi sì dispiaciuto ma precisando che la cosa non lo riguarda, tanto meno si può ricondurre ad intromissioni russe nella campagna elettorale. Il ‘Washington Post’ però, non condivide la linea di Trump poiché “in molti sensi questo processo era tutto incentrato sulle collusioni russe”.

Per citare ‘Il Corriere della Sera’, “il cerchio attorno al presidente degli Stati Uniti comincia a stringersi”.

Antonio Marino

Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantunenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo
Back to top button