Scienza

Come pensano gli esseri umani? Esiste un Gps interno che “indirizza” i nostri pensieri

Uno studio congiunto ha rivelato come alcune particolari cellule dell'ippocampo e quelle della griglia nella corteccia entorinale vicina formano un circuito che consente l'orientamento e la navigazione

Il Max Planck Institute per le scienze cognitive umane di Lipsia e l’Istituto Kavli di Trondheim (Norvegia), hanno rivelato che alcune particolari cellule dell’ippocampo e quelle della griglia nella corteccia entorinale vicina formano infatti un circuito che consente l’orientamento e la navigazione. Proprio così: secondo lo studio congiunto tra i due istituti, pare che nel cervello possa esistere una sorta di Gps in grado di “indirizzare” i pensieri umani.

Christian Doeller, autore senior dello studio e nuovo direttore del Max Planck Institute per le scienze cognitive umane ha spiegato: “Crediamo che il cervello memorizzi le informazioni su ciò che ci circonda nei cosiddetti spazi cognitivi. Ciò riguarda non solo i dati geografici, ma anche le relazioni tra gli oggetti e l’esperienza”. Il team di scienziati ha anche rivelato che questo meccanismo sarebbe anche la chiave per “pensare” e per ordinare i pensieri. Ecco spiegato il perché la nostra conoscenza pare essere organizzata in modo spaziale.

Un modo semplice per spigare come questo navigatore interno organizza i pensieri, secondo Doeller è pensare alle macchine. Per lo studioso, infatti si possono ordinare in base alla loro potenza e al peso del motore: “ad esempio avremmo macchine da corsa con motori potenti e pesi bassi, o roulotte con motori deboli e peso elevato. Ma – ha rivelato l’autore dello studio – possiamo pensare alla nostra famiglia e ai nostri amici in modo simile: ad esempio, sulla base della loro altezza, del senso dell’umorismo o del reddito, codificandoli così come alti o bassi, spiritosi o privi di senso dell’umorismo, ricchi o meno”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In InGrandiMenti, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =

Close