Le donne sono vento

LE DONNE SONO VENTO. Francesca Rendano

La titolare di Mamusca: bar, libreria, negozio di giochi, dolci squisiti ed ampi spazi per il book-crossing

Sono venuta a conoscenza di questa realtà che si trova a Dèrgano, quartiere milanese, e ne sono rimasta affascinata. Francesca Rendano apre Mamusca nel 2013, con un investimento davvero minimo. Mamusca è molte cose: bar, libreria, negozio di giochi. Dolci squisiti, e non solo dolci, ampi spazi per il book-crossing, tiene all’integrazione fra adulti e bambini e non è finita qui. Si chiama così, dice Francesca, perché prende spunto dalla matriosca, che è una mamma che contiene tutti i suoi figli. Sono riuscita a rubarle qualche attimo perché mi raccontasse l’inizio e gli sviluppi di questa poliedrica attività.

“Mamusca nasce 5 anni fa a Dèrgano perché è il quartiere dove vivo con la mia famiglia. Avevo due figli quando è partita l’attività e adesso ne ho tre, uno è nato durante l’avventura. Uno dei motivi principali per cui è nato Mamusca è perché io sono una mamma e volevo crearmi un lavoro che mi consentisse di guardare i miei figli, tenevo che frequentassero altri bambini e volevo dare la stessa possibilità anche ad altre famiglie. L’aggregazione e la condivisione sono i migliori supporti per le famiglie con figli. Questo mio concetto è stato subito capito e ben visto da tutti”.

“Le mamme all’inizio arrivavano con bimbi piccolissimi e frequentavano Mamusca nello “spazio morbido” a loro dedicato. Li abbiamo visti crescere e adesso, dopo 5 anni, ci sono bambini che quando abbiamo aperto erano infanti o addirittura ancora nelle pance delle mamme; per loro Mamusca è una piccola famiglia e lo è anche per i miei figli che sono cresciuti qui; il più grande, che ha 13 anni, continua ancora a venire con i suoi amici perché questa è un po’ casa loro”.

“È stato molto complicato all’inizio, perché avviare e avere un’attività in proprio è un’impresa enorme per chiunque, forse di più per una mamma perché dedica molto tempo ai figli. Devo dire che è stata più dura di quello che pensassi; fortunatamente ho avuto un grande appoggio e sono stata sempre sostenuta dalle mamme che venivano, dalle famiglie in generale e anche da tantissimi papà che hanno continuato a frequentare il locale. I papà hanno dato un grande contributo, hanno proposto eventi, laboratori, partecipano tuttora a tutte le nostre attività e ringraziano sempre dell’esistenza di Mamusca, personalmente e scrivendo nei commenti delle pagine web tante cose piacevoli ed affettuose su di noi”.

“Mamusca 2 anni fa è stata premiata come Impresa di valore dalla Regione Lombardia; ha ricevuto questo importante premio proprio per il valore sociale dell’impresa stessa e perché lo diffonde, ed è un bel riconoscimento per tutto ciò che è stato fatto. Da maggio del 2018 sono socia di Fabrizio, che è un papà della zona, oltre ad essere un amico, che ha abbracciato l’idea di Mamusca. Sono rimasta da sola per un lungo periodo e fortunatamente è arrivato lui a darmi un aiuto consistente, è molto importante che ci sia anche la figura di un papà fra noi”.

“Siamo sempre in evoluzione: abbiamo uno slogan, è scritto su un cartellone all’interno: “Mamusca non è uno spazio solo per bambini ma è uno spazio dove vengono tutti quelli che non hanno dimenticato di esserlo stati”. Infatti abbiamo tanti clienti che non hanno niente a che vedere con i bambini e anche loro qui si sentono un po’ come a casa“.

Particolare cura e attenzione nella scelta degli alimenti, negozio di libri d’arte e d’autore scelti con occhio critico, negozio di giocattoli, è un luogo conviviale dove Francesca e Fabrizio organizzano molti eventi: ogni mese laboratori per bambini e adulti, presentazione di libri e incontri con l’autore, eventi musicali, serate di giochi dedicate agli adulti, aperitivi tematici, recentemente è stato organizzato un laboratorio su Paul Klee. Il sito di Mamusca non lascia dubbi: siamo di fronte a qualcosa nato per creare aggregazione nel quartiere, ma i cui effetti si sono allargati a macchia d’olio. Vince di nuovo l’idea che creare nel sociale, per il benessere delle persone, è un successo per tutti. Ho l’impressione che Mamusca non si fermerà qui, per l’idea grandiosa che ne è il fondamento, perché abbiamo sete di ritornare alla semplicità di stare insieme.

Patrizia Massi

Tags
Mostra Altro

Patrizia Massi

Il più grande destino è quello di imparare molte cose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × due =

Close