Curiosità

Un anno senza smartphone e vinci 100mila dollari

Quante volte abbiamo affermato che ormai l’uomo è diventato schiavo della tecnologia? Moltissime. Ormai gli smartphone sono entrati a far parte a pieno titolo del nostro quotidiano. Se una volta, il telefono cellulare lo si usava solo per telefonate e messaggi SMS, i passi avanti della New Technology hanno reso i nostri telefonini dei veri e propri computer con i quali navighiamo in internet, chattiamo, stiamo sui social, riceviamo ed inviamo mail. Una vita da pazzi, se ci pensate. La psicanalisi, recentemente ha rilevato una nuova patologia derivata dallo stress del restare senza smartphone: senza giri di parole, si va nel panico, anche se il disagio è solo di poche ore. Vi siete mai chiesti come ci si potrebbe sentire a stare addirittura un anno senza smartphone? Se a consolarvi fossero 100mila dollari, sicuramente non si soffrirebbe da stress per la sua assenza.

E’ questa l’idea che ha avuto Vitaminwater, società del Gruppo Coca-Cola che si occupa del mercato di acque funzionali che ha lanciato un concorso per i cittadini residenti negli Stati Uniti.

Partecipare è semplicissimo: basterà scrivere su Twitter ed Instagram, un post entro l’8 gennaio 2019 dove si spiegherà come si intende impiegare i 365 giorni senza smartphone, accompagnandolo con gli hashtag #NoPhoneforaYear e #contest. I messaggi lasciati dai concorrenti saranno sottoposti al vaglio di una giuria che deciderà secondo i parametri di fantasia, umorismo e creatività dei partecipanti, assegnando loro un punteggio. Anche la grammatica avrà il suo peso. Il prescelto, a questo punto, comincerà il suo anno senza smartphone: potrà utilizzare solo un cellulare del vecchio tipo. Unica deroga, poter comunque utilizzare computer o l’ultima novità di Google Home e Amazon Echo: gli altoparlanti smart.

E’ consigliabile per il concorrente non fare il furbo: è prevista dallo sponsor la facoltà di effettuare controlli a sorpresa come il sottoporlo alla macchina della verità, trascorso l’anno di gara.

Certo, non sarà semplice resistere e per questo, il regolamento del concorso prevede la possibilità di “gettare la spugna” dopo 6 mesi. In questo caso, naturalmente non vincerà i 100mila dollari ma avrà diritto ad un premio di consolazione pari a 10mila dollari.

La sfida lanciata da Vitamiwater ha già attratto l’attenzione di moltissimi statunitensi, pronti a mettersi in gioco pur di accaparrarsi il consistente premio.

Male non sarebbe se quest’idea fosse messa in atto anche nel nostro Vecchio Continente: chissà che non si ritroverebbe una qualità di vita migliore a fronte di un bel gruzzoletto…

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 2 =

Close