Politica

Reddito di Cittadinanza, Conte: “Rinvio per fare le cose perbene”

Il premier spiega i motivi dello slittamento, intervenendo agli Stati Generali dei consulenti del lavoro

Roma, 11 gennaio – Intervenendo agli Stati Generali dei consulenti del lavoro, in corso a Roma, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte è tornato a parlare di Reddito di Cittadinanza.

Conte ha spiegato i motivi dello slittamento: “Le ragioni del differimento del Reddito di Cittadinanza stanno nel fatto che vogliamo fare le cose per bene: non è una concessione elettorale ma il manifesto di questo Governo”.

“Sul Reddito di Cittadinanza – ha aggiunto il premier – ci sono perplessità ma forse è la più significativa, decisa e coraggiosa riforma politica attiva del lavoro varata negli ultimi anni. E’ un meccanismo per valorizzare il capitale umano disperso in Italia. Ne beneficerà la stabilità sociale e la produttività e l’occupazione, stiamo costruendo un sistema integrato che vedrà coinvolti vari attori, non ci sarà un’unica fiche”.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − diciotto =

Close