Cesare Battisti, il fratello: “E’ una vittima. Se parla, crolla la politica”

Vincenzo Battisti difende il terrorista. E su Salvini: "E' un fascista"

Roma, 15 gennaio – Vincenzo Battisti, fratello maggiore del terrorista Cesare, è intervenuto in difesa dell’ex latitante con un’intervista rilasciata al quotidiano, ‘Il Messaggero’ ed un’altra a ‘Mattino Cinque’.

“Per me Cesare non ha ammazzato nessuno. Non è colpevole, bensì una vittima. I processi furono in contumacia. E’ stato condannato contumace”, ha affermato Vincenzo Battisti, aggiungendo: “Se mio fratello parlasse, farebbe crollare la politica. Non hanno mai voluto che parlasse perché sono tutti compromessi”.

“Mio fratello – ha sottolineato il fratello maggiore di Battisti – è stato tirato in ballo in contumacia dai pentiti. Mi ha giurato che non ha mai ammazzato nessuno, non si è mai potuto difendere, ma tutti hanno scaricato su di lui per salvarsi”. “L’arresto? E’ un’ingiustizia, lo stanno accusando di quello che non ha commesso. Torreggiani, ad esempio, prima ha detto che Cesare non c’era, poi ha cambiato versione”.

“Quello che mi dà più fastidio è che hanno sempre rotto a mio fratello, mentre i fascisti che hanno ammazzato e stanno in Brasile nessuno li cerca”, ha proseguito Vincenzo Vincenzo Battisti, spiegando che sarà nominato un legale che è sua intenzione stare vicino al fratello. Battisti ha sferrato poi un attacco al Vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini: “E’ un fascista, andasse ad arrestare i suoi amici in Brasile”.

“Cesare è mio fratello e non c’è cosa più importante di lui. Era un delinquente da quattro soldi e l’hanno fatto diventare un personaggio del cavolo. Io sono stato insieme a lui l’anno scorso, non l’ho mai abbandonato. E’ mio fratello ed è la cosa più importante che esista. I cani abbandonano i fratelli ma io no”, ha detto ancora Vincenzo Battisti.

“Se realmente avessi saputo della sua colpevolezza, l`avrei riportato in Italia 40 anni fa. Veniamo da una famiglia per bene. Fosse stato lui me l`avrebbe almeno accennato qualche volta. Se l’Italia ha risolto i problemi con Cesare Battisti hanno fatto bene a riportarlo qui”, ha concluso Vincenzo Battisti.

La Voce

Vai alla barra degli strumenti