Mondo

Trump: appello all’unità nazionale. Sul muro con il Messico, nessun cedimento

Il presidente USA parla al Congresso ma non convince i Dem e neanche alcuni tycoon

Washington, 6 febbraio – Il presidente americano, Donald Trump, nel suo intervento di ieri al Congresso, ha parlato dello stato dell’Unione. Trump ha formulato un appello all’unità ma ha mantenuto una posizione ferma per quanto riguarda la realizzazione del muro con il Messico.

“Abbiamo un potenziale illimitato. Voglio lavorare con il nuovo Congresso. Dobbiamo governare non come due partiti ma come un solo Paese”, ha affermato Trump.

Il presidente americano ha confermato la volontà di ritirare le truppe dalla Siria e dall’Afghanistan. Inoltre, ha annunciato un incontro, il secondo, con il leader nordcoreano, Kim Jong-un. I due dovrebbero incontrarsi in Vietnam, i prossimi 27 e 28 febbraio.

“Basta con stupide guerre politiche e con queste indagini ridicole e di parte. No alla vendetta e alla resistenza, bisogna scegliere la strada della grandezza”, ha detto Trump, rivolgendosi ai Democratici che vorrebbero agevolare l’impeachment. Trump si è detto convinto che questa strada porterebbe allo stallo del Paese.

L’appello di Trump però, rischia di restare inascoltato, a giudicare dall’atteggiamento tenuto dai Dem in Aula, a cominciare da quello della speaker, Nancy Pelosi. Solo per dare un elemento indicativo, molte parlamentari erano vestite di bianco in segno di solidarietà per i diritti di genere.

“La mia agenda non è un’agenda repubblicana o democratica – ha detto ancora Trump – ma è l’agenda del popolo americano. E insieme possiamo spezzare decenni di stallo politico, superare le vecchie divisioni, curare le vecchie ferite, costruire nuove coalizioni, forgiare nuove soluzioni e sbloccare il futuro dell’America. La decisione è solo nelle nostre mani”. Evidente il riferimento al 15 febbraio, quando potrebbe essere avviata una seconda fase di shutdown in assenza di accordo sul muro con il Messico.

Trump sul muro non cede. “Sarà costruito perché abbiamo il dovere morale di creare un sistema immigratorio che protegga le vite e il lavoro dei nostri cittadini. Il muro salva vite e rende l’America più sicura”.

Parole che hanno suscitato l’espressione negativa della Pelosi ma non solo: anche alcuni tycoon hanno dimostrato atteggiamenti critici.

In mezzo a tanta tensione, Trump è riuscito a smorzare i toni solo quando si è complimentato per il record di parlamentari donne al Congresso, incassando gli applausi anche dalle Dem, inclusa l’ipercritica Pelosi.

Antonio Marino

Foto: Afp

Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantunenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Articoli Correlati

Back to top button