Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. Conosciamo da vicino la Rodenback

Un pezzo di storia del Belgio

Care Amiche e cari Amici de La Voce, questa settimana vorrò parlarvi di un’eccellenza belga: la Rodenbach.

STORIA

La dinastia dei Rodenbach è ben conosciuta in Belgio perché oltre alla birra, annovera anche poeti, scrittori e militari. Pedro Rodenbach ha partecipato alla Campagna di Russia con Napoleone e fu determinante per la rivoluzione e l’indipendenza del Belgio nel 1830. Altri tre componenti della dinastia erano membri del Congresso Costituzionale. Constantijn Rodenbach fu l’autore della “Brabançonne”, l’inno nazionale belga.

Ma torniamo alla birra. Nel 1836 Pedro Rodenbach prese il controllo del birrificio fondato con i fratelli nel 1821. Fu il nipote Eugene a posare le basi del successo dopo aver studiato la vinificazione della birra e la maturazione nelle botti di rovere.

Oggi Rodenbach possiede 294 botti e alcune di queste hanno oltre 150 anni. Le birre Rodenbach sono caratterizzate dalla fermentazione mista: la prima fase avviene a temperatura ambiente (15/25) con lievito di alta (Saccharomyces Cerevisiae). Poi, una parte di questa viene separata e sottoposta ad una seconda fermentazione e maturazione in botti di rovere. Si chiama mista in quanto durante la maturazione nelle botti, grazie all’acido lattico, acetobatteri, e lieviti selvatici tra cui i Brettanomyces presenti nel legno di rovere, dopo due anni di maturazione si miscela con birra giovane determinando il PH e quindi il livello di acidità. Questo ruolo spetta esclusivamente a Rudi Ghequire che determinerà la migliore botte e dopo averla numerata e datata, la classificherà come Vintage. Il risultato ve lo descrivo di seguito.

ANALISI SENSORIALE

Corpo: pieno
Colore: rosso marrone
Gusto: Acidulo avvolgente
Aroma: ricco di note di caramello, quercia, mela verde che si fonde con il miele ed il cioccolato
Contenuto alcolico: 7,0%
Tipo di fermentazione: alta+mista
Formati: bottiglie da 0,75 e raramente in fusto
Temperatura di servzio: 7-9° C2
Tipologia: Flemish Red Ale
Note: la Vintage è la botte selezionata personalmente dal mastro birraio Rudi Ghequire, dopo due anni di invecchiamento. La lieve acidità ed il retrogusto fruttato, ben equilibrati, la rendono ideali per accompagnare gamberi, aragosta, crostacei, carni bianche abbinate con salse saporite.

La prossima settimana andremo ad esplorare un’altra eccellenza. Ora però, godiamoci la nostra Rodenbach.

A presto e… salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Beer Story Tell

Una bevanda dalla storia millenaria, narrata con passione attraverso la descrizione delle innumerevoli tipologie, produzioni ed abbinamenti gastronomici. In più, qualche chicca di attualità di questo affascinante mondo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 20 =

Close