Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. A San Patrizio ci vuole un’Irish Stout!

Bilanciata tra cremosità e torrefatto con note di caffè

Care amiche e cari amici de La Voce, ci stiamo avvicinando alla Festa di San Patrizio che, come certo saprete, si celebra il 17 marzo. Occorre qualcosa di speciale per una ricorrenza speciale e particolarmente sentita in Irlanda. E’ necessario dunque fare rotta su quest’isola che pare essere incantata. Qui, le Irish sono birre istituzionali: le Red Ale e le Stout, come le Extra Stout.

Quando si pensa alla birra d’Irlanda, in automatico si pensa alla Guinness o alla Murphy’s che appartengono alla tipologia delle Stout; è proprio di questa tipologia che voglio parlarvi e proporvela come birra per festeggiare degnamente il St. Patrick’s Day.

IRISH STOUT

Fermentazione: alta
Classificazione legale: normale
Classificazione commerciale: specialità
Storia: fine Settecento – Nel 1759, Arthur Guinness prende in affitto una birreria abbandonata e nel 1775 produce una nuova Porter con gradazione alcolica diversa: la più leggera è contrassegnata da una X e la più alcolica con una doppia X. Nasce la doppia versione della Stout Porter.
Ingredienti: acqua con durezza media; malti chiari e molto tostati, fiocchi di orzo non maltati per esaltare la cremosità; luppoli inglesi.
Note: l’amaro è dovuto dalla elevata tostatura del malto.
Aspetto: nero. Schiuma cremosa e persistente.
Area olfattiva prevalente: aromi tostati al caffè, note di cacao.
Area gustativa prevalente: bilanciata tra cremosità e torrefatto con note di caffè. Finale secco.
Grado alcolico: da 4 a 4,5
Temperatura di servizio: 8° C

Le Irish Stout, nel tempo hanno conosciuto anche l’impiego nella preparazione di succulenti piatti, salati o dolci. Con la Murphy’s ad esempio, è possibile realizzare un eccellente stufato come ottime torte e che c’è di meglio stasera del cenare con piatti tipici della cucina irlandese?

Happy St. Patrick’s Day, a presto e… salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Beer Story Tell

Una bevanda dalla storia millenaria, narrata con passione attraverso la descrizione delle innumerevoli tipologie, produzioni ed abbinamenti gastronomici. In più, qualche chicca di attualità di questo affascinante mondo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + 17 =

Close