Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. Dalle abbazie del Belgio, la Trappist Belgian Dark Strong Ale

Creata per coloro i quali amano le complessità olfattive e gustative

Care amiche e cari amici de La Voce, concludiamo oggi il nostro giro delle abbazie del Belgio e quindi, delle birre che qui vengono prodotte. Dopo aver conosciuto le caratteristiche della Trappist Ale Dubbel e della Trappist Ale Tripel, il nostro “bicchiere della staffa” sarà dato dalla Trappist Ale (Belgian Dark Strong Ale).

Si tratta di una tipologia creata per coloro i quali amano le complessità olfattive e gustative, laddove la frutta si miscela con il malto. Il tutto in una birra scura dalla gradazione alcolica ragguardevole. Le tradizioni della Belgian Dark sono le stesse delle sue “consorelle” e come loro, è di tradizione medievale. Andiamo a conoscerla meglio.

TRAPPIST ALE (BELGIAN DARK STRONG ALE)

Fermentazione: alta
Classificazione legale: doppio malto
Classificazione commerciale: specialità
Storia: monastica del Medioevo – le versioni originali riflettono le caratteristiche dei singoli birrifici, in quanto ancora prodotte da materie prime locali e rifermentate in bottiglia.
Ingredienti: acqua, sia tipo dolce che tipo dura; mix di malti belga, frumento, zuccheri caramellati e non raffinati; lievito belga che produce alcoli superiori; luppolo Goldings Stiria.
Note: scura molto ricca, morbida e complessa. Alcuni la definiscono “pericolosa” in quanto si lascia molto bere.
Aspetto: ambrato profondo tra il ramato scuro e il marrone. Schiuma abbondante, aderente e persistente.
Area olfattiva prevalente: complessa: ricca dolcezza del malto, esteri fruttati, alcoli morbidi.
Area gustativa prevalente: simile all’aroma: uva passa, prugna e ciliegia. Maltato: caramello e pane tostato. Leggermente amarognola, la chiusura tra il maltato e l’amarognolo è bilanciata dall’alcol.
Grado alcolico: da 8 a 11
Temperatura di servizio: da 10 a 14° C

La prossima settimana saluteremo il Belgio con una tipologia che, sebben più recente delle monastiche alle quali ci eravamo abituati, saprà sicuramente non deludere le aspettative di tutti gli estimatori di questo nettare. Vedrete che mi darete ragione!

A presto e… salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Beer Story Tell

Una bevanda dalla storia millenaria, narrata con passione attraverso la descrizione delle innumerevoli tipologie, produzioni ed abbinamenti gastronomici. In più, qualche chicca di attualità di questo affascinante mondo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − 4 =

Close