Salute

Vaccini: un italiano su 4 li ritiene pericolosi per i danni collaterali

la diffidenza non riguarda solo il nostro Paese ma una considerevole fetta dell'opinione pubblica europea

Si torna a parlare di vaccini e della loro presunta pericolosità. Stando ai dati diffusi da Eurobarometro, il 46% degli italiani, ovvero uno su quattro, li ritiene pericolosi, temendo eventuali danni collaterali che potrebbero produrre. Il 32% ritiene che possano danneggiare il sistema immunitario ed il 34% pensa che invece di proteggere dalle malattie per le quali vengono somministrati, possano causarle.

Va detto comunque che la diffidenza non riguarda solo il nostro Paese ma una considerevole fetta dell’opinione pubblica europea. Infatti, il 48% dei cittadini europei li teme proprio per i presunti danni collaterali. Valutando nazione per nazione, in ben 16 Paesi dell’UE la percentuale oltrepassa il 50%.

Parlando poi dei “falsi miti” connessi ai vaccini, Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione Europea, spiega:  “Queste sono percezioni errate che bisogna affrontare, l’Europa è la regione nel mondo con il livello più basso di fiducia sulla sicurezza e efficacia dei vaccini e questo è un rischio per la salute pubblica”.

Se da una parte c’è un’ampia maggioranza di cittadini europei che crede nei vaccini, dall’altra esiste una percentuale piuttosto corposa di persone tratte in inganno dalla non conoscenza del tema, oltre che dalle fake news.

Katainen ha detto ancora che “le decisioni individuali colpiscono la popolazione dell’UE nell’insieme”, sottolineando come le vaccinazioni siano “anche una questione di solidarietà” verso quei Paesi poveri esposti al contagio da chi rifiuta i vaccini.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × cinque =

Close