Cucina

Gnocchetti al salmone

Un primo piatto che non deluderà mai

Un primo piatto che non deluderà mai voi ed i vostri eventuali ospiti, non difficile da preparare ed in relativamente poco tempo (una trentina di minuti), è rappresentato dagli gnocchetti al salmone.

Per prepararlo per quattro persone occorrerà che vi muniate di 400 grammi di gnocchetti di patate, 100 grammi di trancio di salmone, 200 ml di panna da cucina, un bicchiere di brandy ed una noce di burro. Aneto fresco, sale e pepe in base a quanto potrà bastare.

Innanzitutto, dedicatevi al protagonista: il salmone. Dovrete tagliare a metà il trancio ed una delle due metà, bisognerà che la tagliate a pezzetti né troppo piccoli, né troppo grandi. Ora, disponeteli in una padella e fateli rosolare con l’impiego di una noce di burro, versandovi il brandy: quest’ultima mossa renderà il vostro salmone infinitamente meno grasso. Se non disponete di brandy, cognac o vodka sapranno ottimamente sostituirlo. Una volta evaporato il brandy, spegnete il fuoco e mettete i vostri pezzetti di salmone a riposare in un piatto che dovrete custodire al caldo.

La padella usata per rosolare il salmone, vi tornerà nuovamente utile per l’altra metà del trancio che andrete a sminuzzare e ad unire alla panna ed al pepe. Il tutto dovrà cuocere per non più di cinque minuti, dopo che avrete ben mescolato gli ingredienti. Al termine della cottura, aggiungete giusto un po’ di aneto fresco che gli darà il giusto sapore.

E’ il momento di recuperare i pezzetti di salmone che avete rosolato; uniteli al condimento realizzato con la panna e l’altro salmone e dedicatevi alla cottura degli gnocchetti che dovrà avvenire in una pentola abbondantemente colma di acqua che avrete salato ma non molto: dovranno unirsi poi al salmone che già di suo è abbondantemente saporito. Terminata la loro cottura, uniteli al condimento prestando attenzione a non farci finire dentro l’acqua dove li avete cucinati. Agevolate il connubio tra i due elementi, facendoli saltare in padella per alcuni istanti durante i quali, li mescolerete.

Il piatto è dunque pronto per essere servito in tavola.

Per quanto riguarda l’abbinamento col vino, il mio suggerimento è un Prosecco di Conegliano – Valdobbiadene. Stavolta, meglio evitare la birra.

Alla prossima ricetta!

Chef Antony

Tags
Mostra Altro

Chef Antony

La cucina è arte. Ogni settimana vi propongo un piatto nazionale oppure internazionale, suggerendovi, all'occorrenza, un buon vino o una buona birra da abbinare

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 + 6 =

Vedi Anche

Close
Close