Cucina

Cosce di pollo alla cacciatora

I sapori delle cene di un tempo che fu

Per preparare questo piatto vi occorrerà un’oretta di tempo ma alla fine, ciò che otterrete sarà l’ideale per lasciare soddisfatti i vostri palati e quelli dei vostri commensali.

Le cosce di pollo alla cacciatora riconducono a quelle atmosfere casalinghe e rustiche di un tempo, quando di soldi ne giravano pochi e l’appetito era tanto. Con poca spesa si poteva comunque mettere a tavola qualcosa che non avrebbe lasciato deluso nessuno.

Per preparare le cosce di pollo alla cacciatora per quattro persone, dovrete avere a vostra disposizione 8 cosce di pollo, 800 grammi di passata di pomodoro, 200 millilitri di vino bianco, quattro foglie di salvia, due gambi di sedano, due carote, una cipolla e due spicchi d’aglio. Basilico, prezzemolo, paprica, olio extravergine di oliva e sale, per quanto possano bastare.

Innanzitutto dedicatevi alle verdure pelando le carote e mondando il sedano e la cipolla che laverete con cura sotto il rubinetto.

Munitevi di una casseruola e cospargetela di olio, mettendo al suo interno lo spicchio d’aglio. Qui andrete a deporre un trito realizzato con il sedano, le carote, la cipolla, il basilico, la salvia ed il prezzemolo. Mi raccomando che sia un trito finissimo. A questo punto, con il tutto preparate un soffritto veloce ed aggiungete le cosce di pollo, curandovi di farle ben rosolare in ogni loro parte a fiamma vivace.

Una volta che le vostre cosce di pollo avranno raggiunto una bella doratura, portate il fuoco a livello medio basso e mantenetelo tale per tutto il tempo della cottura. Sarà quindi il momento di sfumare il tutto col vino bianco che farete ben evaporare. Fatto questo, versate la passata di pomodoro, correggete con il sale e fate cuocere per una cinquantina di minuti, accertandovi che le cosce di pollo non tendano ad asciugarsi. Se ciò dovesse verificarsi, aggiungete un minimo di acqua tiepida ogniqualvolta andrete a controllare. Può andare più che bene anche del brodo vegetale. Se vi piace l’idea di un sapore del sugo ancor più incisivo, nel mentre che il tutto si cucina potrete aggiungere un peperone tagliato a listarelle e qualche oliva nera.

Quando vedrete che mancano pochi minuti al termine della cottura, aggiungete un cucchiaio di paprica che dovrà essere ben miscelato con il sugo. E’ arrivato il momento di impiattare le vostre cosce di pollo, versandovi sopra il sugo. Portate a tavola il tutto ben caldo.

Per quanto riguarda il vino d’accompagnamento, la mia proposta è quella di un Sangiovese Superiore. Il suo sapore che richiama le foglie di pomodoro e le erbe aromatiche, ben si andrà a conciliare con quello del vostro piatto.

Agli estimatori della birra, suggerisco una Bock come una Doppelbock od una Lager scura. Se poi siete appassionati della tipologia, una Lambic alla frutta non è da disdegnare.

Alla prossima ricetta!

Chef Antony

Tags
Mostra Altro

Chef Antony

La cucina è arte. Ogni settimana vi propongo un piatto nazionale oppure internazionale, suggerendovi, all'occorrenza, un buon vino o una buona birra da abbinare

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =

Vedi Anche

Close
Close