Scienza

I risultati lo confermano: i trapianti di staminali umane cerebrali contro la SLA sono sicuri

Gli esiti soddisfacenti e senza ripercussioni dei 18 pazienti affetti da SLA sottoposti nella fase 1 a interventi multipli di cellule staminali neurali umane, hanno dato il via alla seconda fase dei test

I trapianti di staminali umane cerebrali contro la Sclerosi laterale amiotrofica sono sicuri. A rivelarlo i dati pubblicati su Stem Cells Translational Medicine a 5 anni dalla sperimentazione su 18 pazienti affetti da SLA. La procedura di trapianto testata si è rivelata senza pericoli e non essendosi registrate criticità per i soggetti interessati nel primo step di ricerca, è arrivato il via libera alla fase 2 dei test per le risposte sull’efficacia del trattamento.

Nei test di fase 1 condotti dal 2012 al 2015 negli ospedali Maggiore della Carità di Novara e S. Maria di Terni, Università di Padova e Istituto Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è stato testato un farmaco cellulare che permette di trapiantare le stesse cellule in tutti i pazienti con effetti riproducibili in modo “altamente standardizzato, in grado pertanto di rispettare i criteri di sterilità e sicurezza imposte dagli enti di controllo Agenzia Italiana del Farmaco ed Agenzia Europea del farmaco”, come si legge in una nota della Fondazione Revert.

I pazienti coinvolti nella prima fase presentavano tutti una diagnosi definitiva di Sla e hanno ricevuto ciascuno da tre a sei trapianti multipli di cellule staminali neurali umane nel midollo spinale lombare o cervicale. Il risultato a distanza di 5 anni è che in nessun paziente si sono manifestati “eventi avversi seri” o l’aumento della progressione della malattia a causa del trattamento. Per questo motivo, i ricercatori hanno avvisato che presto potranno essere avviati futuri studi clinici di fase 2, da condurre su un numero maggiore di pazienti (fino a 20) e che dovranno dare la risposta sulla dose ottimale delle cellule da trasferire e i primi dati sull’efficacia.

E’ stato il primo esempio in Europa del trapianto chirurgico di un vero farmaco cellulare e anche se per arrivare ad un risultato finale ottimale sarà necessario lavorare ancora molto, i ricercatori sono ottimisti e fieri dei traguardi fin ora raggiunti: “Ora è disponibile una tecnica per il trapianto di staminali cerebrali in malattie neurologiche la quale evita l’uso di cellule da aborto terapeutico garantendo un numero di trapianti virtualmente illimitato e altamente riproducibile”, hanno infatti commentato.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =

Close