Scienza

Si chiama Metarhizium pingshaense ed è il fungo in grado di uccidere le zanzare anofele

Modificato geneticamente, il fungo può uccidere fino al 99% delle zanzare che diffondono la malaria. Lo scopo è proprio quello di combattere la malattia che uccide più di 400mila persone all’anno

Da uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Maryland negli Stati Uniti e dall’istituto di ricerca IRSS in Burkina Faso è emerso un fungo in grado di uccidere fino al 99% delle zanzare anofele, quelle che diffondono la malaria. Si chiama Metarhizium pingshaense ed è stato geneticamente modificato.

I ricercatori hanno precisato, però, che il loro scopo non è quello di estinguere gli insetti ma di aiutare a fermare la diffusione della malaria. La malattia, lo ricordiamo, uccide più di 400.000 persone all’anno e in tutto il mondo, ci sono circa 219 milioni di casi di malaria ogni anno.

Raymond St. Leger, professore dell’Università del Maryland ha spiegato: “Questi funghi sono molto malleabili e possono essere facilmente modificati geneticamente”. I test, per ottenere questo risultato, si sono svolti in un villaggio del Burkina Faso e hanno mostrato come le popolazioni di zanzare spariscano dopo circa 45 giorni.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + nove =

Close