Scienza

Nasce il primo polo di riferimento per la ricerca a Milano: si chiama MACH e avrà sede al Policlinico

MACH, Centre for Multidisciplinary Research in Health Science, è il risultato dell'unione tra l'Università Statale di Milano e la Fondazione IRCSS Cà Granda Ospedale Policlinico per realizzare un vero polo di eccellenza e di riferimento per la ricerca e la didattica moderna sul tema della salute nel mondo

Un polo di ricerca innovativo, dedicato alle scienze bio-mediche ma che investirà tutti i campi riguardanti la salute globale. Questo è MACH, Centre for Multidisciplinary Research in Health Science, il cui obiettivo è realizzare un centro di riferimento per la ricerca e la didattica moderna. Questo progetto innovativo nato al Policlinico di Milano, è il risultato dell’unione tra l’Università statale di Milano e la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Policlinico. Il MACH avrà sede operativa al Policlinico di Milano, primo Irccs pubblico di ricerca sanitaria e scientifica in Italia, all’interno degli spazi di via Pace che saranno oggetto di riqualificazione

MACH è senza dubbio un passo importante per tutta la comunità scientifica perché rappresenta un nuovo modello di ricerca, collaborativo e sinergico, capace di occuparsi in modo tecnologico e innovativo di tutti i campi riguardanti il tema della salute globale, dal settore microbiologico a quello immunologico, passando da quello infettivologico a quello microbiologico. Il Centro lavorerà inoltre in partnership con esperti di altri centri italiani ed internazionali

Coordinatore scientifico del centro sarà il prof. Andrea Gori, direttore dell’unità operativa di Malattie infettive del Policlinico. Insieme a lui tanti ricercatori che al nuovo MACH si occuperanno di studiare, tra le altre cose, i fattori che causano le malattie tra le popolazioni più povere e vulnerabili del mondo, affiancando all’analisi immunologica e scientifica quella socio-economica.

Non solo ricerca però: il nuovo MACH rappresenta molto di più. Infatti i membri del nuovo polo saranno impegnati anche sul lato della didattica. Il Master in Global Health, che inizierà in ottobre, ne è l’esempio. Un corso professionalizzante di un anno che avrà l’obiettivo di formare nuove generazioni di professionisti capaci di studiare la salute globale con uno sguardo multidisciplinare.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × tre =

Close