Economia

La Commissione UE sentenzia: “L’Italia non cresce”

Bruxelles colloca il nostro Paese all'ultimo posto

La Commissione Europea ha confermato quanto detto in precedenza circa le stime di crescita dell’Italia: 0,1% nel 2019 e 0,7% nel 2020, definendo la prima percentuale come una crescita “marginale” e la seconda, come “moderata”. Secondo Bruxelles, in Italia “non ci si attende che l’attività economica rimbalzi significativamente prima della fine dell’anno”, e “i rischi alla crescita restano pronunciati, specialmente nel 2020, quando le politiche di bilancio affrontano particolari sfide”.

Di fatto, secondo la Commissione UE, l’Italia è ultima per crescita tra i Paesi dell’Unione Europea, diversamente da Malta, la cui crescita è vista in ragione del 5,3% nel 2019 seguita da Ungheria e Polonia, entrambe al +4,4%, e dall’Irlanda con +4%. Prima dell’Italia, la Germania con +0,5% nel 2019 ma in crescita nel 2020 con il +1,4%.

La Commissione Europea ritiene che la crescita italiana nel periodo 2019-2020 dipenda da “consumi privati, sostenuti da prezzi dell’energia più bassi e dal reddito di cittadinanza. Ma questi fattori positivi è probabile che vengano attenuati da un mercato del lavoro meno dinamico e dal calo della fiducia dei consumatori associata all’aumento di risparmi preventivi”.

Per quanto riguarda l’occupazione in Italia, “dopo la perdita di posti di lavoro nella seconda metà del 2018 – afferma la Commissione -, l’occupazione è salita marginalmente nei primi cinque mesi del 2019 e la disoccupazione è scesa sotto il 10%. Ma la debole attività economica è probabile pesi sul mercato del lavoro come indica il numero in crescita dei lavoratori in Cig e le aspettative delle imprese sull’occupazione, spiccatamente più basse”.

In quadro più generale, la Commissione ritiene che la crescita nell’Eurozona sarà dell’1,2% nel 2019 ma nel 2020 non andrà oltre l’1,4% contro l’1,5% precedentemente preventivato. “Le prospettive a breve termine dell’economia europea – spiegano da Bruxelles – sono offuscate da fattori esterni”, come “le tensioni commerciali globali e da una significativa incertezza politica”, che “pesano sulla fiducia nel settore manifatturiero, il più esposto al commercio internazionale, e indeboliranno le prospettive sul resto dell’anno”.

Antonio Marino

Tags
Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 14 =

Close