Calcio Serie A

Juventus: domani potrebbe essere il giorno di De Ligt

Per l'ipotesi Icardi i tempi restano lunghi

Mentre l’Inter può finalmente accogliere in nerazzurro Nicolò Barella, sbarcato a Milano nella serata di ieri, la Juventus non resta a guardare e, anzi, già nel prossimo fine settimana potrebbe annunciare il sospirato accordo con Matthjis De Ligt. Per la verità, la volontà del giocatore dell’Ajax di vestirsi di bianconero non è mai stata in discussione, al punto che le parti non hanno dovuto superare frizioni nè relativamente all’ingaggio nè all’inclusione nel contratto di una clausola rescissoria.

Ciò che invece ha indotto Paratici a condurre una trattativa fine e paziente è stato l’atteggiamento dei “lancieri”, con i quali restano in ballo ancora una decina di milioni di bonus da concordare per raggiungere la cifra di 75 milioni che il club di Amsterdam intende realizzare. La recente accelerazione dell’affare è stata però ben visibile e alla stessa potrebbe aver contribuito anche l’esplicita richiesta di Maurizio Sarri che vorrebbe avere a disposizione il ragazzo già in occasione delle prime amichevoli estive, così da oliare fin da subito i meccanismi difensivi in cui il centrale olandese si troverà ad essere inserito.

Si profilano invece tempi ben più lunghi per dare concretezza all’ipotesi che vuole Icardi in bianconero nella prossima stagione; in tal senso, la strategia in casa juventina appare chiara. La frattura tra il giocatore e il club nerazzurro può definirsi ormai insanabile e ciò potrebbe tradursi in un vantaggio per la Juventus; la chiara esclusione dal progetto interista del numero nove non potrà infatti che tradursi in un deprezzamento del giocatore stesso, pertanto la dirigenza bianconera, oltre ad essere al momento concentrata su altri fronti, potrà concedersi il lusso di intavolare la trattativa con tutta calma, consapevole peraltro che alla stretta finale incontrerebbe il gradimento del giocatore.

Sul fronte cessioni, non conosce evoluzioni la posizione di Gonzalo Higuain; l’argentino vorrebbe restare alla corte del suo mentore a Napoli e Londra e sembra per di più godere del sostegno di una porzione consistente dei tifosi. Il centravanti ha finora declinato ogni offerta, anche se quella pervenuta recentemente dal West Ham non può non definirsi notevole; i 40 milioni messi sul piatto dal club inglese meritano infatti di essere presi in considerazione dalla Juventus che, pur godendo di una situazione finanziaria florida, non può esimersi dal compiere qualche cessione. Sull’ex attaccante partenopeo, peraltro, non si allenta la pressione della Roma che ha individuato nell’argentino il riferimento offensivo per la prossima stagione, con Dzeko che finalmente disporrebbe del definitivo via libera per accasarsi all’Inter.

L’altro nome caldo in uscita è quello di Joao Cancelo; per il terzino lusitano la richiesta juventina oscilla tra i 50 e i 60 milioni, cifra che, tuttavia, non molti club europei sono in grado di pagare. Tra questi, il Barcellona e il Manchester City sono apparse le squadre maggiormente interessate, con il Bayern Monaco che, dopo un approccio arrembante al giocatore, negli ultimi tempi è risultato silente e defilato. Il possibile sostituto dell’ex terzino interista potrebbe essere Hysaj, già guidato da Sarri ad Empoli e Napoli, mentre l’arrivo di Darmian, che pure è ancora in lizza, risulta più improbabile; non è però escluso che il tecnico bianconero opti per una soluzione casalinga, provando a riadattare Cuadrado al ruolo di terzino destro, già ricoperto dal colombiano ad inizio carriera.

Gigi Bria

Tags
Mostra Altro

Gigi Bria

Le cose migliori arrivano per caso. Per caso, ormai dieci anni fa, iniziai ad insegnare diritto ed economia politica in una scuola superiore di Milano. Sempre per caso, qualche anno fa, mi fu proposto di scrivere. Ho visto "La Voce" quando era ancora un embrione; ora è il giovane figlio di cui mi prendo cura ogni giorno parlando di sport e dirigendone la relativa redazione. Seguo il mondo del calcio, confidando di riuscire a non far mai trasparire la mia pur blanda fede calcistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − sei =

Close