Cronaca

ALLARME TERRORISMO A ROMA: E’ CACCIA A UN SIRIANO

In un'intercettazione telefonica avrebbe detto: "Domani a Roma andrò in paradiso"

Roma, 20 luglio – Secondo quanto riferito da ‘Il Corriere della Sera’ ma non confermato ufficialmente dalle Autorità, a Roma sarebbe scattato l’allarme terrorismo ai massimi livelli. Le Forze dell’Ordine starebbero infatti ricercando un giovane siriano che, nel corso di un’intercettazione telefonica, avrebbe pronunciato la frase, “Domani a Roma andrò in paradiso”.

Gli agenti dell’Antiterrorismo che conducono le indagini, supportati dai Servizi Segreti, sono in possesso di una sua fotografia e sanno che è nato in Siria il 5 maggio del 1991. L’identità non è invece stata resa nota per non danneggiare le indagini in corso. Il siriano potrebbe essere nella lista delle persone tenute sotto controllo dalla nostra Intelligence per sospette attività a fini terroristici.

La foto, dove il giovane appare con la barba, lo ritrarrebbe in Pariser Platz, davanti alla Porta di Brandeburgo a Berlino. Considerando tutto, il luogo avrebbe dell’inquietante poiché si tratta della stessa città dove, nel 2016, il terrorista tunisino Anis Amri si è lanciato sulla folla a bordo di un camion, mentre erano in corso i mercatini di Natale. Il bilancio delle vittime era stato pesantissimo: 12 morti e 56 feriti. L’uomo fu poi neutralizzato a Sesto San Giovanni, nel Milanese, da una pattuglia della Polizia di Stato.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 9 =

Close