Calcio Serie A

Calciomercato chiuso: ultimi arrivi e partenze in Serie A

Più di un’operazione di rilievo a delineare i connotati definitivi delle squadre del campionato italiano

Alle 22 di ieri sera ha serrato i battenti la sessione estiva del calciomercato per la nostra serie A, con più di un’operazione di rilievo a delineare i connotati definitivi delle squadre del campionato italiano.

In casa Juventus non si è mosso nulla negli ultimi giorni; i bianconeri si erano in realtà già strutturati con largo anticipo e non è arrivato nessun botto conclusivo. Allo stesso modo, i campioni d’Italia non hanno compiuto alcuna operazione in uscita, laddove forse qualche cessione sarebbe stata opportuna quando non addirittura necessaria; si pensi, in particolare, a Dybala e Mandzukic, le cui partenze avrebbero posto rimedio al sovraffollamento nel reparto offensivo di Sarri, oltre a garantire un importante introito economico. Il grave infortunio di Chiellini ha poi definitivamente escluso i saluti di uno tra Rugani e Demiral, divenuti ora entrambi essenziali per sopperire alla prolungata assenza del capitano bianconero.

L’Inter può invece consegnare agli archivi la fine della telenovela scritta, diretta e interpretata dai coniugi Icardi, con l’argentino che, dopo aver rinnovato per altri due anni con i nerazzurri, si accasa momentaneamente in prestito al Paris Saint Germain, titolare di un diritto di riscatto il cui esercizio comporterebbe un esborso pari a 70 milioni. Il club francese è in conclusione la destinazione meno sgradita tra le opzioni proposte all’ex capitano interista che avrebbe probabilmente preferito trasferirsi nella Torino bianconera; Paratici, diversamente, sembra invece aver voluto nuovamente puntare sul fiuto di Gonzalo Higuain.

Nell’ultimo giorno si perfeziona poi uno scambio di prestiti tra il Milan e l’Eintracht Francoforte; Ante Rebic si accasa alla corte di Giampaolo, mentre Andrè Silva viene spedito sulle rive del Meno. L’operazione ha durata biennale e comprende una clausola di riscatto per un valore complessivo di 25 milioni. Sarebbe stato funzionale al nuovo percorso rossonero anche un innesto difensivo, ma i tempi stretti e i limiti finanziari con cui il Milan ha convissuto durante l’estate hanno reso impraticabili ulteriori inserimenti.

Il Napoli, rimasto alla finestra fino all’ultimo in attesa della decisione di Icardi, ha nel frattempo perfezionato la sostanziosa cessione (25 milioni) di Verdi al Torino, che ormai non può più nascondere la propria ambizione di confermarsi a livello europeo. L’Atalanta ha invece posto rimedio all’improvvisa grana legata a Skrtel (che ha rescisso in tutta fretta con gli orobici) assicurandosi le prestazioni difensive di Simon Kjaer, vecchia conoscenza del calcio italiano avendo in passato indossato le casacche del Palermo e della Roma.

Proprio i giallorossi hanno infine completato nelle ultime fasi di mercato un interessante restyling. Dopo l’arrivo di Smalling dal Manchester United, Petrachi è andato nuovamente ad attingere al di là della Manica prelevando Mkhitaryan in prestito oneroso dall’Arsenal per 3 milioni. Trova riscontro ufficiale anche il ritorno in Italia di Nikola Kalinic, che vestirà il giallorosso capitolino; dopo i buoni inizi con la Fiorentina, l’attaccante croato ha attraversato numerose amarezze in rossonero, per poi vivere un’altra stagione poco entusiasmante con l’Atletico Madrid. Saluta invece il Belpaese Patrik Schick, che, dopo due anni di promesse non mantenute nella Capitale, andrà a cercare il proprio riscatto in Germania con la maglia del Lipsia.

Gigi Bria

Mostra Altro

Gigi Bria

Le cose migliori arrivano per caso. Per caso, ormai dieci anni fa, iniziai ad insegnare diritto ed economia politica in una scuola superiore di Milano. Sempre per caso, qualche anno fa, mi fu proposto di scrivere. Ho visto "La Voce" quando era ancora un embrione; ora è il giovane figlio di cui mi prendo cura ogni giorno parlando di sport e dirigendone la relativa redazione. Seguo il mondo del calcio, confidando di riuscire a non far mai trasparire la mia pur blanda fede calcistica.
Back to top button