Scienza

In arrivo Ladymed: il primo test casalingo per auto-diagnosticare il Papilloma Virus (Hpv)

Ladymed è un test preciso e non invasivo che si può comprare in farmacia oppure online, da fare a casa, in totale privacy

Il Papilloma Virus Umano (Hpv, Human Papilloma Virus) è uno dei virus più diffusi nell’uomo: ne esistono circa 120 tipi e ben 14 sono causa di tumore. Il più frequente è il carcinoma del collo dell’utero. L’infezione da Papilloma avviene prevalentemente per via sessuale ed è molto vasta: si stima che circa l’80% delle donne sessualmente attive la contragga almeno una volta nella vita, con una prevalenza nelle donne più giovani, tra i 25 e i 35 anni. E che circa una donna 1 su 10 ha infezioni di HPV attive.

Nonostante la maggior parte delle pazienti riesce a debellarle, in altre invece l’infezione prosegue e può diventare pericolosa. La prevenzione è sicuramente importante ed oggi avviene tramite vaccinazione. I vaccini disponibili sono tre: bivalente, quadrivalente e, dal 2017, 9-valente e, ad oggi, rappresentano il metodo più efficace e sicuro per combattere il rischio di infezione da HPV. Ma c’è una novità!

Un modo più semplice e immediato per prevenire il Papilloma Virus. Un test casalingo, il primo, per auto-diagnosticarlo. Si chiama Ladymed è disponibile in farmacia, oppure via internet, ed è il risultato dello studio di Bruna Marini e Rudy Ippodrino, due ex studenti del Corso di perfezionamento in biologia molecolare della Scuola Normale di Pisa e fondatori della startup Ulisse BioMed, attiva nel campo biomedicale.

Come funziona esattamente? Il kit di Ladymed si compone di un tampone sterile per l’auto-prelievo. Dopo essersi registrata sulla piattaforma digitale, ogni donna può spedire il proprio tampone al Campus Biomedico di Roma: qui viene analizzato con la chimica innovativa brevettata dal team di Ulisse BioMed con cui si genotipizza il virus (ovvero fornire indicazioni precise sul ceppo presente nell’infezione).

L’analisi con i risultati poi viene caricata sulla piattaforma e ciascuna potrà consultarlo e portarlo a proprio medico. I due ricercatori hanno spiegato che purtroppo più o meno 1 donna su 2 non si tutela con lo screening pubblico: la media nazionale delle donne che effettua lo screening “organizzato” dalle Asl, quello pubblico e gratuito, è il 46.8% mentre il 32% fa prevenzione per iniziativa personale (in privato).

Per questo hanno pensato a Ladymed: “Noi non vogliamo sostituire lo screening esistente perché di elevatissima qualità – hanno voluto precisare – ma sfortunatamente è chiaro che non riesce a raggiungere tutte le donne. Con Ladymed vogliamo offrire uno strumento in più per aumentare e migliorare la prevenzione contro il Papilloma virus. Questo strumento – hanno sottolineato – può aiutare a raggiungere donne che non fanno le analisi perché hanno paura del prelievo, perché si imbarazzano o perché non hanno avuto tempo di andare dal ginecologo. Tutte motivazioni che hanno delle percentuali di risposte alte”.

Invece grazie a un prelievo non invasivo che la donna può effettuare direttamente a casa, è possibile rilevare il virus anche senza ulteriori procedure mediche, con un considerevole abbattimento dei costi e dei tempi della diagnostica. Come hanno precisato Bruna e Rudy il test “è stato validato clinicamente con istituti di eccellenza quali il Centro di riferimento oncologico di Aviano, l’Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste e il Policlinico Universitario Campus Biomedico di Roma”.

Una start up innovativa, dunque, quella dei due giovani ricercatori, che non hanno intenzione di fermarsi… anzi: grazie alla qualità della sua ricerca, BioMed ha ottenuto numerosi finanziamenti nazionali ed europei con i quali potrà continuare a ingegnarsi per creare altri tipi di test casalinghi non invasivi.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − sedici =

Close