Voce alla birra

VOCE ALLA BIRRA. Una istituzione della Baviera: la Munich Kellerbier

Una chiara non pastorizzata e non particolarmente alcolica

Care amiche e cari amici de La Voce, oggi vorrò parlarvi di una tipologia tedesca che ormai ha radici profondissime nei consumi della nazione in generale e della Baviera in particolare. E’ un classico, quando si entra in una birreria bavarese. Sto parlando della Munich Kellebier.

La Munich Kellerbier è una chiara non pastorizzata e non particolarmente alcolica, come abbiamo scoperto essere per buonissima parte delle birre tedesche. E’ connotata dal malto e dall’apertura e chiusura che sono diametralmente opposte al palato. Andiamo a conoscerla meglio nelle sue caratteristiche peculiari.

MUNICH KELLERBIER

Fermentazione: bassa
Classificazione legale: da normale a speciale
Classificazione commerciale: specialità
Storia: è un adattamento moderno allo stile della Franconia. In questo caso, utilizzando la Helles invece che la Marzen. Le versioni originali ante era tecnologica, non prevedevano la filtrazione dei lieviti.
Ingredienti: acqua tipo Monaco. Malto Pilsner; luppoli tedeschi. Lievito bassa.
Note: sono birre molto giovani, non filtrate e non pastorizzate, servite alla spina nelle classiche birrerie di Monaco.
Aspetto: oro profondo, quasi ambrato, leggermente velato. Schiuma cremosa, aderente e persistente.
Area olfattiva prevalente: sentori moderati di crosta di pane, leggere note di speziato e pepato.
Area gustativa prevalente: sentore iniziale di dolce di malto con chiusura asciutta.
Grado alcolico: da 4,7 a 5,4
Temperatura di servizio: da 6 a 8° C

La prossima settimana, andremo a vedere cosa si beve per lo più in Franconia, prevalentemente nella bella stagione e nelle occasioni di festa. Ora, nell’attesa, vi lascio degustare la Munich Kellerbier.

A presto e… salute!

Beer Story Tell

Tags
Mostra Altro

Beer Story Tell

Una bevanda dalla storia millenaria, narrata con passione attraverso la descrizione delle innumerevoli tipologie, produzioni ed abbinamenti gastronomici. In più, qualche chicca di attualità di questo affascinante mondo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =

Close