Tech

Play Store, scoperte altre app pirata: l’intervento di Google

Le applicazioni continuavano a funzionare in background consumando la batteria dello smartphone e attivavando servizi a pagamento all’insaputa dell’utente

Wandera, azienda specializzata in cybersecurity ha scoperto due applicazioni pubblicate su Google Play Store, contenenti un virus all’interno del loro codice. Anche questi due virus sono stati identificati come adware ovvero malware con lo scopo di pubblicare in continuazione pubblicità sullo smartphone del malcapitato che avesse scaricato l’app pirata ed abbia concesso i permessi di accedere alla memoria del dispositivo stesso.

Questi adware, presenti nelle app Sun Pro Beauty Camera e Funny Sweet Beauty Selfie Camera, non solo generavano pubblicità in maniera casuale, consumando traffico di dati, ma girando i background massimizzavano il consumo della batteria dello smartphone, abbassandone la vita utile. Inoltre, attivavano servizi a pagamento all’insaputa del malcapitato.

A ricevuta segnalazione, Google ha tempestivamente provveduto alla rimozione dallo store le app maligne, consigliando vivamente agli utenti che le avessero già installate di cancellarle immediatamente per evitare ulteriori problemi come la perdita di denaro o di traffico dati.

Google consiglia anche di scaricare e installare un antivirus certificato sul proprio smartphone e di avviarne la scansione con cadenza minima di una volta al mese per essere sicuri di possedere uno smartphone a prova di adware.

Dario Naghipour

Tags
Mostra Altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − nove =

Close