Cronaca

TRIESTE, SPARATORIA DAVANTI ALLA QUESTURA: UCCISI DUE AGENTI

Ad aprire il fuoco, il presunto autore di una rapina. Altri tre agenti ed il fratello dell'aggressore sono rimasti feriti

Trieste, 4 ottobre – Quella che doveva sembrare un’ordinaria operazione di Polizia, l’arresto di due ladri di scooter, si è trasformata in tragedia. I due malviventi, due fratelli dominicani, erano stati arrestati per il furto di un ciclomotore. Condotti in Questura, uno dei due ha chiesto di andare in bagno ed è stato in quel momento che la situazione è drammaticamente precipitata. Il fermato ha aggredito i due poliziotti ed ha sfilato loro le pistole cominciando a sparare all’impazzata. I due agenti, Pierluigi Rotta, agente scelto di 34 anni, e Matteo Demenego, agente 30enne, sono morti. Nel conflitto a fuoco che è seguito, sono rimasti feriti altri tre agenti ed il fratello dell’aggressore, bloccato dopo una breve fuga.

Come detto, il tutto è cominciato nella mattinata con il furto di uno scooter commesso dal dominicano 29enne, Alejandro Augusto Stephan Meran. Immediatamente pentitosi del gesto, Meran ha chiamato il fratello, Carlysle Stephan Meran, di 32 anni che a sua volta ha avvisato la Polizia. Sul posto sono quindi giunte tre auto della Polizia che hanno proceduto al fermo dei sudamericani, portati subito in Questura.

Alejandro, che si scoprirà essere da disturbi psichiatrici, durante l’interrogatorio chiede di poter andare in bagno. A quel punto, l’aggressione mortale ai due agenti ed il tentativo di fuga. al Corpo di Guardia però, gli si para davanti un poliziotto che spara, ferendolo. Nonostante ferito, Meran cerca di proseguire la sua fuga ma viene bloccato da altri agenti all’ingresso della Questura. Il fratello dell’aggressore intanto, pare perché spaventato, cerca di scappare anche lui ma verrà fermato nei sotterranei della Questura. Va detto comunque che non ha partecipato in alcun modo all’assassinio dei due poliziotti.

Il Sindaco di Trieste, Roberto Di Piazza, a seguito della tragedia ha proclamato il lutto cittadino. Cancellati gli interventi pubblici dei governatori del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, del Veneto, Luca Zaia, del Piemonte, Alberto Cirio e della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti che avrebbero dovuto tenersi a Porcia, in provincia di Pordenone, per l’apertura della festa regionale della Lega.

In serata, a Trieste sono giunti il Capo della Polizia, Franco Gabrielli ed il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

Parole di cordoglio sono state espresse dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Ho appreso con profonda tristezza la notizia della barbara uccisione dell’agente scelto Matteo Demenego e dell’agente Pierluigi Rotta, feriti mortalmente presso la Questura di Trieste mentre erano impegnati in una operazione di servizio. In questa dolorosa circostanza, desidero esprimere a lei e alla polizia di Stato la mia solidale vicinanza, rinnovando i sentimenti di considerazione e riconoscenza per il quotidiano impegno degli operatori della polizia al servizio dei cittadini. La prego di far pervenire ai familiari degli agenti le espressioni della mia commossa partecipazione al loro dolore”.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Close
Vai alla barra degli strumenti