Scienza

L’ esoscheletro comandato col pensiero permette ad un giovane paralizzato di tornare a camminare

Grazie ad un microchip impiantato nella testa, l’esoscheletro “raccoglie” i pensieri del giovane che lo indossa e viene guidato da questi con l’ausilio di una serie di elettrodi speciali

A Grenoble, in Francia, è stato sviluppato il primo esoscheletro comandato con il pensiero. L’esoscheletro, infatti, “ha raccolto” i pensieri di chi lo ha indossato e è stato guidato da questi grazie a una serie di elettrodi speciali. Il dispositivo ha permesso ad un giovane paralizzato di tornare a camminare di nuovo dopo tantissimo tempo. “Mi sono sentito come il primo uomo sulla Luna”, ha dichiarato il ragazzo.

Come è stato possibile? Prima di sperimentare il dispositivo, il paziente è stato sottoposto a risonanze per mappare le aree del suo cervello che si attivano quando immagina di camminare e muovere le braccia. I ricercatori hanno poi impiantato un microchip nella testa del giovane per fare in modo che potesse comandare l’armatura meccanica con il pensiero.

Il ragazzo ha prima imparato a comandare il proprio avatar e solo successivamente gli impulsi elettrici del suo cervello sono stati “raccolti” e usati per muovere l’esoscheletro. La tecnologia ha funzionato perfettamente per 27 mesi e ancora funziona: un dato estremamente importante perché significa che gli elettrodi che sono serviti per raccogliere gli impulsi cerebrali del paziente, continuano a funzionare bene a distanza di molto tempo.

Senza contare che la perfetta riuscita di questo esperimento ha rappresentato davvero un grande successo: nei tentativi precedenti condotti da altri ricercatori, gli elettrodi – impiantati troppo in profondità – avevano smesso di funzionare andando incontro a effetti avversi e provocando infezioni. In questo caso, no.

Nelle parole del giovane paziente, tutto l’entusiasmo per aver potuto muovere nuovamente qualche passo: “Non camminavo più da anni, avevo dimenticato di essere più alto della maggior parte delle persone intorno a me. È stato davvero impressionante”. Per il futuro l’obiettivo è  ripetere l’esperimento su altri pazienti e continuare, così, a perfezionare l’esoscheletro.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 9 =

Close