Mondo

ISIS, AL BAGHDADI SI SAREBBE SUICIDATO

La notizia diffusa dal Pentagono ma l'organizzazione terroristica non conferma

Washington, 27 ottobre – Stando a quanto afferma il Pentagono alla rivista ‘Newsweek’ e ripreso dall’emittente ‘Fox’, il leader dell’Isis Abu Bakr al Baghdadi si sarebbe tolto la vita facendosi esplodere nel corso di un blitz compiuto dalle forze americane nel Nord-Ovest della Siria. Dopo un conflitto a fuoco, al Baghdadi avrebbe azionato il detonatore di un giubbotto esplosivo che indossava, saltando in aria.

Insieme al terrorista sarebbero rimaste uccise anche due delle sue mogli, probabilmente travolte dall’esplosione.

Secondo la ‘CNN’, al Baghdadi sarebbe giunto sul luogo dove è stato compiuto il blitz, 48 ore prima e la notizia della sua presenza sarebbe stata data da agenti della CIA.

Lo stesso presidente americano, Donald Trump, su Twitter ha scritto, “Qualcosa di molto grande è appena accaduto!”.

Anche il generale Mazloum Abdi, leader militare dei curdo-siriani, su Twitter afferma: “Un’operazione storica e di successo grazie a un lavoro congiunto di intelligence con gli Stati Uniti d’America”.

I siti collegati all’Isis però, non confermano la morte di al Baghdadi ed esortano i sodali a “continuare la jihad anche se la notizia fosse vera” ma definiscono il terrorista come “martire della guerra santa”. A riferirlo, il direttore del ‘Site’, Rita Katz.

La Voce

Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Back to top button