Scienza

Una ricerca rivela: le notifiche notturne dei cellulari possano provocare danni seri alla salute

Secondo uno studio australiano, una persona su cinque viene svegliata almeno due volte a settimana da allerte di messaggi sms e di social media

Una ricerca della Flinders University di Adelaide ha rivelato come le notifiche dei cellulari sul comodino, oltre a interrompere il sonno notturno, possano provocare effetti seri sulla vita da svegli. Ad esempio aggravando i rischi di incidenti automobilistici, di errori sul lavoro oppure di cattiva salute mentale.

Per questo studio sono state coinvolte e ascoltate 2044 persone di nazionalità australiana (di età fra i 18 e 90 anni), sull’uso di telefoni cellulari, computer e tablet dopo essere andati a dormire, nei sette giorni precedenti.

Pur tenendo in considerazione eventuali disturbi esistenti del sonno, l’età e il sesso, una persona su cinque viene svegliata almeno due volte a settimana da allerte di messaggi sms e di social media, o si sveglia per mandarli. E per una persona su venti, questo avviene ogni notte. 

Inoltre, circa il 23% dei partecipanti alla ricerca che hanno usato i telefonini almeno due volte a settimana dopo essersi addormentati, ha riportato di aver avuto di recente un incidente d’auto, o di averlo evitato per un soffio, a confronto del 2% di chi ha dormito un sonno sereno e tranquillo.

Sarah Appleton, dell’Institute of sleep health dell’università e responsabile della ricerca ha spiegato: “Quando suona quell’allerta la tentazione di guardare è enorme. È un problema realmente difficile da affrontare, perché è così pervasivo e radicato nella popolazione”.

Secondo la responsabile queste persone “hanno una probabilità significativamente maggiore di commettere errori, di addormentarsi sul lavoro, o di rinunciare per stanchezza ad attività sociali, oltre ad avere livelli più bassi di energia, di benessere mentale e di motivazione”.

Beatrice Spreafico

Tags
Mostra Altro

Beatrice Spreafico

"Leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, ridere, amare.. queste sono le costanti della mia vita senza le quali non potrei essere io. Amo emozionarmi e sorprendermi, cercando di lasciare un bel ricordo di me nelle persone che incontro. Credo nell’empatia e nel potere della determinazione: la mia testardaggine incallita è rinomata e - guarda caso - il mio motto è “mai arrendersi. Le cose belle richiedono tempo”. Porto gli occhiali, che sono la mia estensione sul mondo e vivo tra ricci e capricci. Sono Social Media Manger In Wellnet, dove mi occupo di Social e sviluppo Piani Strategici ed Operativi per i clienti, su differenti piattaforme. In poche parole? Trasformo le loro richieste in parole ed immagini da ricordare. A LaVoce, invece, mi occupo della prima pagina scrivendo di politica, economia, attualità e scienza."

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + tre =

Close