Mondo

IRAQ: ATTENTATO CONTRO MILITARI ITALIANI

Cinque feriti dei quali tre in gravi condizioni

Baghdad, 11 novembre – Cinque militari italiani sono rimasti feriti in un attentato messo a segno stamane in Iraq. Tre di loro versano in gravi condizioni:  uno ha perso un arto; un altro, parte del piede mentre un terzo ha subito lesioni interne. Nessuno comunque sarebbe in pericolo di vita.

Secondo quanto riferito dallo Stato Maggiore della Difesa, un ordigno rudimentale è esploso al passaggio di una squadra mista di Forze speciali attive nel territorio iracheno e composto da unità del 9° Reggimento “Col Moschin” Paracadutisti e del Gruppo Operativo Incursori della Marina militare. I militari svolgono operazioni di contrasto all’attività dell’ISIS affiancando le le Forze di sicurezza irachene.

I feriti sono stati trasportati in ospedale con elicotteri delle Forze armate americane. Le famiglie sono già state informate.

La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta ipotizzando i reati di attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime.

Il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, “è stato prontamente messo al corrente dell’attentato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, il Generale Enzo Vecciarelli, e segue con attenzione l’evolversi della situazione”. Il Ministro ha informato dell’accaduto, sia il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ed ha espresso “la più profonda vicinanza alle famiglie e ai colleghi dei militari coinvolti”.

Per una drammatica coincidenza, questo avviene a due giorni dal sedicesimo anniversario dell’attentato di Nassiriya,dove morirono ventotto persone, diciannove italiani e nove iracheni.

La Voce

Tags
Mostra Altro

Redazione La Voce

Quotidiano d'informazione e cultura nazionale ed internazionale, fondato nel 2014

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 11 =

Close