La "Sophia"

La messa in discussione di Sé e il confronto con l’evoluzione

Comprendiamo l’importanza di sradicare le proprie “convenzioni”

Oggi parlo di una tematica che può a primo impatto sembrare banale, ovvero “mettersi in discussione” per procedere nella propria evoluzione. Ho riflettuto però che non è sempre così scontato farlo soprattutto se non conosciamo realmente cosa comporta quest’attitudine.

Molto spesso le persone vivono in base a ciò di cui hanno fatto esperienza riportando la loro conoscenza acquisita in tutti i momenti della loro vita. A volte diventa persino difficile aggiungere nuove conoscenze perché significherebbe abbandonare alcune visioni acquisite in passato. Questo fa sì che quando entriamo in una nuova situazione, incontro o ambiente crediamo di conoscere già il corso degli eventi e tendiamo a controllare ciò che invece si dimostra diverso dalle previsioni fatte.
Faccio un esempio abbastanza comune per comprendere meglio di cosa sto parlando. Nelle relazioni di amicizia o di coppia si è spesso abituati ad avere timore di separarsi. La separazione è vista come un punto di non ritorno, vivere improvvisamente senza quel amico o quel compagno spaventa e perciò si tende a evitare questo momento.

Senza entrare specificamente nell’ambito relazioni, che spesso sono delle convenzioni, vorrei però approfondire che cosa s’intende realmente per separazione? Per comprenderlo dobbiamo prima riflettere su cosa significa stare in compagnia con altre persone.

Siamo qui con il nostro corpo e la nostra Anima per fare un percorso e durante questo cammino incontriamo altre anime che decideranno di far parte o meno del nostro cammino; ma possiamo realmente conoscere il cammino delle anime che incontriamo? O facciamo forse fatica a conoscere persino nello specifico il nostro? Come possiamo allora avere timore che un’altra Anima possa scegliere una strada diversa?

Qualche giorno fa sono andata a una conferenza su una determinata tematica di evoluzione. Prima di andare alla conferenza avevo il mio pensiero riguardo la tematica e le persone intorno avevano sicuramente il loro. Il motivo però per cui sono andata è perché ho messo in discussione il mio pensiero riguardo la tematica e ho pensato che quell’occasione potrebbe essere un arricchimento.  Ognuno è stato spinto a partecipare per un motivo specifico.
Durante la conferenza ho notato una persona che cercava in tutti modi di non mettersi in discussione, condividendo più volte il suo pensiero differente da ciò che era stato detto. Credo che condividere un pensiero differente sia importante ma quando si tratta di evoluzione e quindi di un confronto con conoscenze più elevate, queste non sono opinabili. Nel nostro mondo attuale in cui si vive principalmente di società, di leggi create da persone e secondo delle abitudini umane siamo abituati a esprimere le proprie opinioni liberamente e questo credo che sia giusto. Se ricerchiamo invece un’evoluzione più alta dobbiamo mettere in conto che ciò che abbiamo creato potrebbe essere anche sbagliato.
Perché abbiamo tanta paura di separarci dalle persone? Credo che il motivo sia che quando conosciamo le persone le conosciamo in base alle nostre regole e abitudini umane senza considerare che l’altro è un’Anima che ha scelto un determinato percorso. La scelta che ogni Anima ha fatto è un principio non opinabile e questo vale per molte altre conoscenze

In fondo ci siamo noi qua sulla terra a dover evolvere non le leggi più alte. Cominciamo perciò a mettere in discussione noi stessi e non le più grandi leggi universali che sicuramente per essere tali hanno fatto il loro percorso.

Credo che molto spesso abbiamo la presunzione di sapere già tutto, ma se così fosse non saremmo qui per scoprire proprio ciò che non sappiamo.

Se continuiamo a seguire questa presunzione ci limitiamo nella nostra stessa evoluzione.

Lasciamo piuttosto fluire gli eventi della nostra vita consapevoli che ci aspetta un’evoluzione sempre più grande.

Usciamo dalle nostre abitudini convenzionali con umiltà e cerchiamo di sentire la vibrazione di certe verità; così saremo pronti per rinnovare i nostri schemi con gioia.

Sophia Molitor

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − diciannove =

Close