Politica

BEPPE GRILLO BLINDA DI MAIO: “SOSTENERLO, NON SOSTITUIRLO”

Il garante del Movimento fa il punto sul voto della Rousseau e preannuncia per gennaio, un nuovo Contratto di Governo con il PD

Luigi Di Maio non si tocca: parola di Beppe Grillo che ha di fatto blindato il Ministro degli Esteri nel suo ruolo di Capo politico del Movimento Cinque Stelle. La certificazione dopo un incontro tra i due, ieri mattina all’Hotel Forum di Roma. Di Maio e Grillo hanno parlato prioritariamente del voto sulla piattaforma Rousseau per scegliere i candidati presidenti alle Regionali in Calabria ed Emilia Romagna ma non solo: i due si sono confrontati anche sui non pochi mal di pancia all’interno dei pentastellati. Grillo ha affermato: “Siamo in un momento di caos, è nel caos che vengono le belle idee”, aggiungendo: che “Di Maio lavora 25 ore al giorno, siamo d’accordo su tutto, non può essere sostituito, va sostenuto. Io ci sarò di più”. Il garante del Movimento ha anche preannunciato per gennaio, un nuovo Contratto di Governo col Partito Democratico: cosa che vede d’accordo anche Di Maio. L’obiettivo è mettere al centro dell’azione di Governo, tematiche importanti per il Paese quali, “il clima, il salario minimo, il reddito universale, l’intelligenza artificiale, l’energia, le infrastrutture”.

Per quanto riguarda il voto della Rousseau, Grillo ha detto che in Emilia ed in Calabria, il M5S andrà a fare beneficienza: “Avete scelto questa votazione, in Emilia-Romagna ci andiamo per beneficenza. Come dai un euro a uno per beneficenza, non puoi dare un piccolo voto anche a noi per beneficenza? Così magari facciamo da tramite tra una destra un po’ pericolosetta e una sinistra che si deve formare anche lì.

Parlando poi dei rapporti con la Sinistra, Grillo ritiene che il Movimento debba dar vita ad un dialogo finalizzato a “sviluppare dei progetti alti”. “Dobbiamo fare dei progetti insieme con la sinistra, progetti alti, sui trasporti, su come costruire le cose, una città. Una città è piena di fermento, è un momento magico. Non possiamo continuare a fare dei Facebook per metterci gli uni contro gli altri”.

Parlando ancora del ruolo di Di Maio in un video pubblicato sui social e sul blog, Grillo è inequivocabile: “Tu hai coraggio. Adesso la situazione deve essere chiara. Sei tu il referente del M5s, io sarò un po’ più vicino. Ma non rompete i coglioni, altrimenti ci rimettiamo tutti. Non siamo più quelli di 10 anni fa ed è meraviglioso. Tutto tende al caos, all’entropia. E’ l’entropia la matrice del mondo. Per fortuna, dal caos vengono cose meravigliose. Ci sarà la ricostituzione di una specie di meet-up”.

Un messaggio da Luigi Di Maio e Beppe Grillo

Un messaggio da Luigi Di Maio e Beppe Grillo

Gepostet von MoVimento 5 Stelle am Samstag, 23. November 2019

La levata di scudi da parte di Grillo a favore di Di Maio non è stata digerita dalla Capogruppo M5S in Regione Lazio, Roberta Lombardi che su Facebook ha scritto: “#iorompoico…i e me lo ha insegnato Beppe 12 anni fa. E su FB non ho scritto ‘questo qua non va bene’, ma il ruolo del capo politico interpretato come l’uomo solo al comando non funziona. E lo riscrivo. Indipendentemente da chi sia il capo politico. È italiano corrente. Tutto il resto è #codadipaglia”.

Da Di Maio invece, parole rassicuranti circa la solidità dei suoi rapporti con il fondatore del Movimento: “Io e Grillo siamo d’accordo su tutto, abbiamo smentito tutte le leggende di questi giorni”.

Antonio Marino

Mostra Altro

Antonio Marino

Cinquantunenne ma con lo spirito da eterno ragazzo. Adoro la compagnia degli amici con la 'A' maiuscola, la buona tavola e le buone birre. Appassionato di politica ma quella con la 'P' maiuscola, sposato più che felicemente. Difetti: sono pignolo. Pregi: sono pignolo
Back to top button